La formula collaudata dei veicoli commerciali elettrici Peugeot guadagna un nuovo tassello. Con Peugeot Partner elettrico si estende quanto già visto su E-Expert ed E-Boxer in un segmento di mercato particolarmente rilevante per volumi di vendita in Europa: i van F1.

Sono i furgoni dalle dimensioni compatte, che Peugeot E-Partner interpreta in due varianti: 4,40 o 4,75 metri di lunghezza, entrambi declinati in una motorizzazione elettrica da 136 cavalli e 260 Nm di coppia, alimentata dalla batteria da 50 kWh.

Il prezzo di Peugeot E-Partner – come le soluzioni di noleggio – verranno rese note in prossimità della commercializzazione, prevista nel secondo semestre dell’anno, quando si potrà guidare nella configurazione van 3 posti o cabina estesa 5 posti, quest’ultima solo in abbinamento alla variante Partner elettrico Lungo.

Portata e volume, elettrico come il Partner termico

Speculare alla proposta termina è il dato del volume utile di 4,4 metri cubi su quest’ultima configurazione, dove sono 3,8 metri cubi disponibili su E-Partner Standard. Delle dimensioni di Peugeot E-Partner vale dire anche in relazione alla portata di 800 kg, alla quale sommare i 750 kg trainabili.

L’elevata versatilità di un furgone rivolto a professionisti, artigiani, aziende, sta anche in soluzioni come i sedili Multiflex, la panca anteriore con tre sedute, caratterizzate per varie configurazioni.

Ad esempio, la seduta del sedile centrale nasconde un vano richiudibile, il sedile lato passeggero può rialzarsi dal pavimento e liberare uno spazio fino a 3,44 metri di lunghezza perfettamente piatto. Inoltre, il sedile centrale ha lo schienale ripiegabile e trasformabile in tavolino.

Autonomia di Peugeot E-Partner

La specificità di Peugeot E-Partner è, ovviamente, nella motorizzazione elettrica. Tre diverse modalità di guida – Eco, Normal e Power – prevedono mappature differenziate per l’erogazione di potenza e coppia, per un’autonomia di marcia in elettrico che si spinge fino ai 272-275 km a seconda delle versioni e modalità di guida.

Modalità di guida

Eco

Normal

Power

Potenza

81 cv

109 cv

136 cv

Coppia

190 Nm

210 Nm

260 Nm

Velocità

130 km/h

0-100 km/h

11”2

Percorrenze compatibili con le statistiche che indicano in meno di 200 km al giorno l’utilizzo medio dei furgoni della fascia di mercato F1, alla quale appartiene Peugeot Partner.

Ricarica, Wallbox necessario

La batteria da 50 kWh si ricarica dalla presa domestica (tra le 15 e le 31 ore, a seconda dell'amperaggio), sebbene siano le soluzioni con Wallbox le più indicate per i tempi in gioco: con il caricatore di bordo di serie, da 7,4 kW, la ricarica completa anvviene in 7 ore e mezza, mentre con il caricatore opzionale da 11 kW trifase servono 5 ore.

Su strada, l’accesso alle postazioni di ricarica DC 100 kW permette un rifornimento rapido, in 30 minuti per raggiungere l’80% del livello di carica. L’elettronica di gestione della frenata rigenerativa prevede due modalità, diverse per l’intensità della ricarica durante la decelerazione, dall’effetto frenante ovviamente diverso, selezionabili da un selettore dedicato.

Peugeot i-Cockpit automobilistico

All’interno del van elettrico Peugeot non mancano soluzioni di stampo automobilistico, come i sedili riscaldabili, la gestione ottimizzata del riscaldamento della cabina e collegata con la gestione termica del pacco batterie, fino a un i-Cockpit che è strumentazione digitale da 10 pollici e touchscreen dell’infotainment, sui quali le grafiche specifiche di un sistema elettrico rappresentano la gestione dei flussi e le statistiche d’uso legate alla batteria e l’autonomia di marcia residua, oltre a essere possibile la programmazione della ricarica.

Detto di una componente Adas con i sistemi di assistenza del mantenimento attivo di corsia, retrocamera di manovra, Blind Spot Monitor, tra gli altri, Peugeot E-Partner promette in un’ottica di gestione della flotta un Total Cost of Ownership equivalente al Partner con motore termico.

Sfoglia il listino Peugeot: tutti i modelli sul mercato

Valori considerati tra una minore manutenzione necessaria, minor costo dell’energia, valore residuo più alto e, non meno importanti, gli incentivi fiscali previsti sui veicoli elettrici.