Hispano-Suiza è uno dei Marchi che hanno partecipato alla nascita stessa dell'automobile. Nata nel 1904 a Barcellona e attiva fino al 1938 la Casa spagnola è rimasta negli scaffali della storia per più di 80 anni. Nel 2019, grazie a nuovi investitori, questo brand è tornato alla ribalta con una nuova supercar elettrica, la Carmen da 1.019 cavalli, a cui l'anno dopo è seguita l'ecoluzione Carmen Boulogne, dedicata all'omonima corsa francese e forte di 1.114 cv. Ora Hispano-Suiza sta continuando a sviluppare il proprio progetto, e ha annunciato una nuova e importante partnership con Power Electronics, azienda leader mondiale nel settore dell'energia sostenibile.

Hispano Carmen Boulogne, rarità elettrica

Hispano-Suiza e Power Electronics, l'accordo

Rinata in veste 100% elettrica, la Hispano-Suiza punta, oltre che sulle prestazioni e sull'esclusività, anche sulla sostenibilità: per questo, la Casa ha avviato una collaborazione con un'azienda tra le più importanti nel campo dell'energia green. Dal lavoro congiunto tra queste due realtà sono già arrivati i primi frutti, come i caricabatteria rapidi integrati nel pacco da 750 Volt. Ma la partnership andrà a riguardare anche altri aspetti, per i quali il dipartimento di ingegneria di Power Electronicas metterà a disposizione tutto il proprio know-how.

"L'accordo con Power Electronics è strategicamente molto importante per Hispano Suiza - ha spiegato il CEO della Casa, Sergio Martinez Campos - perché in questo modo integriamo il ciclo tecnologico delle nostre hypercar elettriche per offrire ai nostri clienti caricabatterie di ultima generazione, affidabili e sicuri, e poter così contribuire allo sviluppo della mobilità sostenibile". Nel frattempo, non si ferma lo sviluppo della Carmen: i 5 esemplari previsti, con prestazioni elettrizzanti (da 0 a 100 in 2”6, velocità massima di 290 km/h) saranno consegnati a partire dal 2022, con un prezzo di circa 1,65 milioni di euro.

Piech GT, obiettivo 2024 per l'elettrica elvetica