Falsa partenza perla Tesla Model 3. Nulla di tragico, ma a settembre ne sono state prodotte 260, parecchie di meno rispetto alle 1.500 annunciate. E soprattutto il passo dovrebbe arrivare a 20.000 unità mensili per dicembre.

Uno stop, forse dovuto anche perché l’impero di Elon Musk ha canalizzato molte risorse, di danaro e di tempo, sullo sviluppo e ricerca dei vettori spaziali. Da Tesla comunque hanno ribadito di avere la situazione sotto controllo. Affermando che la produzione della Model 3, l’auto più attesa del decennio (almeno …), non ha rispettato la tabella di marcia. Ma hanno ribadito di poter arrivare ai ritmi desiderati in poco tempo.

La Model 3, elettrica compatta con un prezzo (virtuale) di 35.000 dollari, è il modello che dovrebbe portare Tesla a diventare un grande produttore. Da 1 milione di auto nel 2020 (nel 2016 sono state 76.000).

Ovviamente la Tesla Model 3 arriverà anche in Italia. Con un prezzo che si potrebbe ipotizzare di circa 50.000 euro. Ben più alto delle elettriche compatte attualmente sul mercato, come e-Golf e Nissan Leaf. Ma con prestazioni ben diverse. Un’autonomia annunciata di 345 km, un’accelerazione da 0 a 100 in 6 secondi. Tutto questo con la possibilità di ospitare 5 persone e altri livelli di sicurezza nei crash test. Sul nostro mercato, i primi modelli potrebbero essere consegnati nella seconda parte del 2018.