Lamborghini Huracán, la supercar dell’aeroporto di Bologna

Lamborghini Huracán, la supercar dell’aeroporto di Bologna

Lo scalo emiliano e la Casa del Toro hanno rinnovato un accordo già stipulato nel 2016: e così la sportiva di lusso torna a essere la “follow me car” del “Guglielmo Marconi”

di Redazione

18 giugno 2019

Una Lamborghini Huracán sulle piste dell’aeroporto di Bologna. L’auto di lusso è stata infatti scelta come “follow me car” dello scalo Guglielmo Marconi, rinnovando un accordo già stretto con la Casa del Toro nel 2016.

Lamborghini Huracan Evo Spyder: foto

Lamborghini Huracan Evo Spyder: foto

Dopo aver presentato la Evo con carrozzeria coupé, al Salone di Ginevra Lamborghini le affianca la Spyder. Stessa filosofia e soluzioni tecniche, varia lo stile e il modo di vivere le prestazioni estreme offerte dal V10 da 640 cavalli

Guarda la gallery

IN PISTA

La “follow me car” è quella vettura che osserviamo ogni volta che saliamo su un aereo. Si tratta proprio del mezzo che l'aereo deve seguire (per questo viene chiamata proprio "follow me", tradotto dall'inglese "seguimi") per compiere le manovre in pista al momento del rullaggio. E adesso, per la seconda volta, a ricoprire tale ruolo sarà un esemplare della sportiva prodotta da Lamborghini a partire dal 2014.

Lamborghini Huracan Sterrato, concept di super-crossover

LA PRESCELTA

L’Huracán dell’aeroporto bolognese si presenta come un esemplare particolare e appariscente. Trattasi infatti di un modello RWD a trazione posteriore, una spyder con un motore V10 capace di erogare 580 CV di potenza. Spicca la colorazione giallo-argentata, progettata dal Centro Stile Lamborghini, e la scritta "Follow me" (come da regolamento ENAC e dell'Organizzazione internazionale dell'aviazione civile  inserita su entrambe le portiere, accompagnate inoltre dal tricolore italiano. E così, l’aeroporto di Bologna divenne più sportivo che mai.

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi