Le navi da crociera inquinano 20 volte più delle auto

Le navi da crociera inquinano 20 volte più delle auto

Nella Top 50 dell'Europa, l'Italia conta ben 10 città con Venezia e Civitavecchia in testa. È quanto emerge dallo studio “Transport & Environment”: le navi da crociera emettono in totale 62mila tonnellate di ossidi di zolfo. Un risultato che supera di gran lungo le emisisoni prodotte dalle 260 milioni di macchine circolanti

di Redazione

26 luglio 2019

Le navi da crociera inquinano più delle auto. È quanto emerge da uno studio condotto dall’ong “Transport & Environment”, pubblicato di recente e chiamato “One corporation to pollute them all. Luxury Cruise air emissions in Europe”.

LO STUDIO E LE STIME COMPLESSIVE

Il report di “Transport & Environment” ha analizzato le rotte di 203 navi da crociera lungo le coste europee nel 2017, dal sud al nord del continente. I dati hanno rivelato un’emissione totale di 62mila tonnellate di ossidi di zolfo: si tratta di una quantità ben 20 volte superiore a quella emessa da 260 milioni di auto sparse per tutta l’Europa. A questo dato, vanno aggiunte le 155mila tonnellate di ossidi di azoto, le 10mila di polveri sottili e le 10 tonnellate di CO2.

Bosch, il test RDE sfata i falsi miti sul Diesel

Tra le compagnie da crociera “incriminate”, troviamo Carnival Corporation, prima nel mondo in questo settore e in Italia affiliata a Costa Crociere, che ha emesso 10 volte più ossido di azoto rispetto alle 260 milioni di vetture presenti in Europa. Ma anche Royal Caribbean, che ne emette “solo” 4 volte di più.

LE CITTÀ DAI PORTI PIÙ INQUINATI

Spagna e Italia sono le aree maggiormente inquinate. Medaglia d’oro a Barcellona, il cui porto nel 2017 ha “ospitato” 105 navi e quasi 33 tonnellate di ossidi di zolfo. Subito dopo la città catalana, si piazza Palma di Maiorca: 87 navi per 28 tonnellate.

Ecobonus: la Corte dei Conti sblocca il decreto

E l’Italia? Purtroppo, ampiamente presente. Il Belpaese classifica infatti 10 città tra le prime 50 più inquinate. Venezia è terza nella graduatoria generale (68 navi, 27,5 tonnellate), subito davanti a Civitavecchia. Presenti anche Palermo, Genova, Napoli, Bari, Messina, La Spezia, Savona e Cagliari.

Peugeot per la barca a vela Tofinou: le foto

Peugeot per la barca a vela Tofinou: le foto

Il Design Lab della Casa francese è stato coinvolto nella progettazione del nuovo ponte della barca a vela del Cantiere Navale Latitude 46. Ergonomia, eleganza e materiali nobili rispecchiano appieno lo stile del top di gamma Tofinou 9.7

Guarda la gallery

MOTIVAZIONI E SOLUZIONI

Gli elementi inquinanti vengono emessi in larga parte perché le navi che stazionano nei porti mantengono i motori accesi a lungo per far sì che funzionino tutti i servizi a bordo, ma anche e soprattutto perché esse vengono spinte da un carburante contenente lo 0,1 % di zolfo, quando una normale macchina ne contiene lo 0,01 %.

E la situazione rimane preoccupante. Ecco perché l’ong ha richiesto di rivedere le normative europee riguardo le emissioni a zero e di allargare l’area di controllo di queste ultime a tutti i mari europei, dato che per adesso la zona tenuta sotto osservazione è compresa solo tra Mare del Nord, Baltico e Canale della Manica.

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi