R8 da traverso e da corsa. Audi allarga la famiglia della sua supersportiva con due versioni. V10 RWD a trazione posteriore e LMS GT4 per i team privati di Audi Sport.

R8 V10 RWD promette bene, disponibile in Germania dal prossimo anno da 144.000 euro per la coupé e 157.000 per la Spyder. Non si tratta più di una serie limitata, ma di un modello a listino, dato il gradimento della clientela. Il motore è il V10 di 5.2 litri aspirato da 540 cavalli e 540 Nm di coppia, gestito dal cambio automatico a doppia frizione, il sette marce S tronic. Dotata, rispetto alle quattro, di ottimizzazioni di assetto ed elettronica, di cerchi da 19 pollici  con pneumatici 245/35 e 295/35, di una targhetta celebrativa, ma anche di finiture esterne  Mythos Black.

La trazione posteriore comporta un risparmio di peso di 65 kg rispetto all’integrale. Ovvero 1.550 kg per la coupé e 1.695 kg per la Spyder. La distribuzione delle masse è 60/40. R8 V10 RWD accelera da 0 a 100 km/h in 3,7 secondi e la velocità massima è di 320 chilometri orari. La Spyder arriva a 318 km/h e scatta da zero a cento in 3,8 secondi.

La corsaiola Audi LMS GT4 per la stagione 2020 propone ai clienti alcune novità. Da regolamento il motore V10 stradale scende a 495 cavalli, sempre abbinato al doppia frizione S Tronic. Alcune migliorie sull’assetto della vettura sono frutto dell’esperienza nel campionato 2019. Il volante riprende quello di R8 GT2, con comandi integrati, tra i quali il controllo trazione in otto livelli e le regolazioni dell’ABS.