Semmai servissero ulteriori conferme, arriva il bozzetto di BMW M4 GT3 a indicare la strada che seguirà la coupé attesa sul mercato nel corso del 2021. Il timing prevede la presentazione di M4 stradale sul finire del 2020 e l’avvio della produzione nel 2021.

I programmi sportivi di BMW M ruotano, per il progetto destinato alla Classe GT3, intorno alla M4 di serie. Uno sviluppo parallelo in proiezione 2021, quando la versione da corsa verrà testata in gara e sarà pronta per essere consegnata ai team privati e schierata nel 2022.

Maxi Doppio Rene

Fin qui il percorso nelle competizioni che attende il progetto. Quanto alle indicazioni rilevanti per la produzione di serie, anzitutto arriva l’ennesima conferma del frontale con calandra over-size e dallo sviluppo verticale. La direzione indicata a Francoforte da BMW Concept 4 andrà in produzione, come peraltro già anticipato da alcuni muletti di sviluppo. E una via del tutto simile è attesa su BMW M3.

Motore, 6 cilindri di famiglia

Se l’aerodinamica di BMW M4 GT3 è frutto dei regolamenti e delle esigenze tecniche, il comparto meccanico, perlomeno alla voce propulsore, sarà strettamente collegato alla M4 di serie. L’unità TwinPower Turbo sei cilindri 3 litri sarà la S58 già adottato da BMW X3M e X4M.

Leggi anche: Nuova M3, affinità stilistiche con M4

Il reparto motorsport indica in oltre 500 cavalli la potenza in ballo, sarà lo step 510 cavalli a rappresentare il punto più alto, affiancato dalla specifica “base” di M4, da 480 cavalli, entrambe dotate di 600 Nm di coppia motrice e con iniezione diretta a 350 bar.

Se l’avantreno della coupé è ispirato al Concept 4, relativamente al tre quarti posteriori, BMW Serie 4 e la variante M4 proporranno una soluzione molto vicina alle forme avvolgenti di Serie 8, caratterizzate da volumi ben distinti intorno ai passaruota e tra lunotto e coda, per un profilo molto slanciato.

“E’ del tutto logico che i futuri modelli di vertice nelle competizioni clienti siano basati sulla futura generazione di BMW M4”, ha commentato Markus Flasch, a.d. di BMW M e con la M4 GT3 a rilevare M6 GT3. “Andremo a definire nuovi standard in termini di prestazione sportiva nella produzione di serie, perciò ha senso presentare anche la GT3 su questa piattaforma”.