I sindacati sono stati rassicurati: l’accordo per la fusione FCA-PSA non fermerà il piano d’investimenti da 5 miliardi per l’Italia. A comunicarlo, il responsabile delle attività europee di FCA Pietro Gorlier durante l’incontro tenutosi a Mirafiori e richiesto dai sindacati stessi. A riferire del buon esito, alcune fonti presenti al comprensorio industriale torinese.

Leggi anche: Fusione FCA-PSA: parlano Elkann e il premier Giuseppe Conte

“PIENA OCCUPAZIONE ENTRO IL 2022”

Conferme arrivano anche da Marco Bentivogli, segretario generale FIM: “Piena occupazione entro il 2022”. Alle parole di Bentivogli fanno eco quelle di Rocco Palombella, segretario generale UILM: “I 3,7 miliardi di euro di risparmi annuali, da conseguire a regime con la fusione FCA-PSA, saranno raggiunti non con chiusure di stabilimento, bensì soprattutto da economie di scala su investimenti e forniture”. “Il nostro compito - ha continuato Palombella - resta comunque quello di vigilare su eventuali ricadute occupazionali, poiché ogni fusione per sua natura comporta sia opportunità sia rischi”.