La notizia, durante la scorsa estate, della messa all’asta della Ford Mustang GT Fastback del 1968, guidata da Steve McQueen nel film Bullitt, aveva messo in trepida attesa gli appassionati. Molte le previsioni sul prezzo definitivo: in tanti hanno scommesso sul fatto che l’auto potesse battere il record di 3,5 milioni di dollari per una muscle car detenuto da una Playmouth Hemi ‘Cuda del 1971. E così è stato. La protagonista a quattro ruote di Bullitt è stata venduta all’asta per 3,7 milioni. A curare la vendita è stata la casa d’aste Mecum Auctions.

La proprietà

La Mustang Rusty Highland Green, caratterizzata dal colore verde e resa celebre da una delle scene di inseguimento più famose della storia del cinema, per molti anni (dal 1974) è rimasta nel garage del signor Kiernan di Nashville, negli Stati Uniti. All’epoca fu acquistata tramite la rivista Road & Track per 3.500 dollari. Una bella differenza con la cifra di vendita attuale. Chissà quali saranno i progetti del nuovo proprietario per questa iconica e indimenticabile auto. D’altronde, non è una novità il fatto che le vetture dei film siano dei veri e propri oggetti di culto, per appassionati e per chi – è chiaro – abbia molti soldi da spendere. C’è da sottolineare, poi, che in questo caso specifico il valore della Mustang assume un significato molto profondo: l’auto è stata considerata dispersa per diverso tempo e il suo ritorno sulle scene ne ha fatto lievitare non solo il valore, ma ha anche e soprattutto arricchito la sua immagine all’interno della storia del cinema e dell’automotive.

Chevrolet Suburban, prima auto con la stella sulla Walk of Fame