Un assaggio di futuro. È così che è stato presentato, in una conferenza tenutasi in streaming al posto del classico “sù il sipario" al Salone di Ginevra, il concept BMW i4, la berlina manifesto della strategia elettrica della Casa della Doppia Elica.

La prima, vera, avversaria della Tesla Model 3 si presenta subito con i tratti distintivi di Monaco. Il doppio rene, elemento che ha suscitato molte discussioni per le sue dimensioni sempre più grandi sugli altri modelli della Casa, qui è l'elemento principale del frontale, definendone tratti e proporzioni.

Il design

La linea appare snella e slanciata. Cofano lungo, abitacolo accucciato sul posteriore e coda accennata sottolineano il carattere sportivo del concept, stretto parente della BMW Gran Coupè, ma che grazie all'architettura elettrica ha proporzioni più slanciate rispetto alla cugina. Le linee e le forme della carrozzeria sono disegnate per privilegiare la penetrazione aerodinamica e ridurre l'effetto drag, in nome della ricerca dell'efficienza per ridurre i consumi. Cura nei dettagli che si vede nelle coperture dei cerchi, necessarie per ridurre le turbolenze create dalle ruote. 

Come da tradizione in casa BMW, l'abitacolo è disegnato attorno al guidatore, perché va bene l'e-mobility, ma le emozioni di guida rimangono le stesse. Quasi del tutto spariti i tasti fisici, i pochi assieme al classico rotore restano sul tunnel centrale, mentre lo spazio attorno al guidatore è concepito sullo schermo ricurvo posto dietro al volante, dal quale si controllano tutti i sistemi della vettura.

Salone di Ginevra 2020: tutte le auto in anteprima mondiale

Sound da oscar

In un auto sportiva, la voce del motore fa la sua parte per lasciarsi travolgere dalle emozioni. Caratteristica che, per limiti tecnologici, manca alla trazione elettica, ma in BMW non hanno voluto rinunciarci, coinvolgendo nel progetto il compositore Hans Zimmer per creare un sound unico.

Prestazioni da V8

La vettura è progettata attorno alla quinta generazione dell'eDrive Technology, che garantisce alla coupé una potenza da V8. La potenza si attesta a 390 kW (530 cavalli) che permettono uno scatto da 0-100km/h in circa 4 secondi per allungare fino a oltre 200 km/h di velocità massima. Prestazioni garantite da un pacco batteria da 80 kWh con autonomia di oltre 600 km dichiarati secondo gli standard WLTP.

Arriva nel 2021

La vita di serie del concept inizierà nel 2021, nella fabbrica principale della BMW. Questo perché. Per ottimizzare la produzione, i futuri modelli elettrici, ibridi e tradizionali condivideranno gran parte della linea di montaggio. La i4, per esempio, può incorporare circa il 90% della produzione esistente, mentre solo il restante 10% richiederà un ammodernamento della linea.

La scommessa di BMW vale un investimento di 200 milioni di euro nella factory di Monaco per adeguare le linee di produzione.