Da quando la Fiat Tipo ha vinto il premio Auto dell’Anno di anni ne sono passati più di 30. Era il 1989 e la compatta, alla vigilia di un nuovo decennio, viene investita da un grande successo. Non sappiamo se lo specialista in elaborazioni e restauri Kaskote Calcos sia un appassionato di Tipo, certo è che quando ha trovato, all’interno di una concessionaria chiusa da anni in Argentina, due Fiat Tipo nuove di fabbrica deve aver provato un’indescrivibile sensazione di vittoria. Le due auto sono ancora da immatricolare e hanno appena qualche decina di chilometri sul contachilometri.

Un bel bottino

La concessionaria in questione è la Ganza Sevel, un grande rivenditore di Avellaneda che aveva terminato la sua attività all’inizio degli anni ’90. Ma ad attendere Kaskote Calcos non c’era solo la coppia di Fiat Tipo (che è pure l’auto guidata dal commissario Montalbano e questo per noi italiani non può che farne aumentare il legame emotivo), ma anche altre vetture Fiat come la Tempra, la Duna e la Uno, tutte di fabbricazione argentina. Nella Uno, poi, è stato rinvenuto un particolare tipo di tessuto principe di Galles che si diceva fosse ispirato all'abbigliamento dell'Avvocato Agnelli. Al bottino dello specialista in elaborazioni e restauri si aggiungono una Peugeot 405 e una rarissima Alfa Romeo 33 Sportwagon.

Fiat Tipo More, dotazione speciale per tutte le versioni

Le condizioni

Non è il primo ritrovamento di auto all’interno di una concessionaria e la situazione che si trova è, di solito, sempre la stessa. Le vetture sono parcheggiate in zone asciutte ma prive di specifiche protezioni per la carrozzeria. Risultato? Copertura, da più di trent’anni, a base di polvere e “regali” piumati. Una volta rimosso e trattato tutto, sorprendentemente, la verniciatura ha mantenuto un perfetto stato. E anche gli interni sono sembrati in ottimo stato, grazie alle protezioni originali in pellicola di plastica quasi intatte.

Fiat Tipo Cross, nuovo allestimento con il restyling