Dopo aver fermato e convertito la produzione, dopo aver fatto importanti tagli agli stipendi dirigenziali, ancora non sono affatto chiare le tempistiche di riapertura degli stabilimenti di FCA in Italia. Negli Stati Uniti e in Canada, però, qualcosa si sta muovendo e l’obiettivo è riavviare gli impianti automobilistici dal 4 maggio.

Misure di sicurezza

Stando a quanto riporta l’agenzia Bloomberg, in queste ore l’azienda starebbe lavorando con il sindacato e i funzionari pubblici per provare a far ripartire la macchina tra poco meno di un mese. Per far sì che la riapertura diventi possibile, c’è bisogno non solo di attuare e mettere a punto una serie di procedure che “certifichino il il benessere quotidiano della forza lavoro” dice un portavoce di Bloomberg, ma anche di far rispettare il distanziamento sociale richiesto dalle misure introdotte a causa del coronavirus.

Cina, lezione a Italia e Europa: due anni di aiuti per l'auto elettrica