Bentley Bentayga si aggiorna dopo 5 anni e ben 20.000 esemplari venduti. Un successo notevolissimo per una vettura che nella serie uscente ha un prezzo tra i 180.000 e i 275.000 euro.

I super suv di grande lusso ormai affiancano le ammiraglie a livello di prestigio e Bentayga non si sottrae al maquillage, mutuando il design da Continental GT e Flying Spur, alle quali si ispira nella diversa forma e posizionamento dei fari anteriori (Matrix led) e posteriori. Si mostra anche più poderosa (se ce ne fosse bisogno) con parafanghi e carreggiata posteriore allargati.

In abitacolo sono cambiati volante, sedili e pannelli porta. Può essere in configurazione a quattro o cinque posti, sempre con sedili ventilati e nella seconda fila ci sono ben dieci centimetri in più di spazio per le gambe.

Aggiornato anche il sistema multimediale, con schermo da 10”9, due schermi più grande per i posti dietro. La grafica dei display è personalizzabile e la connettività è totale, anche wireless.

La personalizzazione dell’abitacolo ovviamente è sterminata: si aggiungono i nuovi intarsi nuovi intarsi Koa e Crown Cut Walnut o i pannelli in alluminio spazzolato. L’audio è garantito dal sistema da 590 Watt con 12 altoparlanti, al top ci sono i 1.780 Watt dei 20 diffusori  forniti da Naim. Il massimo.

Conferme nei powertrain

Al momento sotto il sontuoso abito il cuore è confermato. Trazione integrale, cambio automatico a otto marce, motore V8 di 4 litri da 550 cavalli e 770 Nm di coppia (0-100 in 4,5 secondi, 290 km/h).

Più avanti, replicando la gamma attuale, arriveranno la versione plug-in hybrid e la “regina” col 6.0 TSI W12. Per chi volesse insozzare i regali cerchioni o far fumare gli pneumatici è a disposizione a richiesta il pacchetto All-Terrain con otto modalità di guida per potersi scatenare su ogni fondo.

Bentley Mulliner Bacalar, quella esclusiva dozzina