Per chi non lo conoscesse, il Muscle Car City è il risultato della storia di Rick Treworgy. Appassionato di auto sportive, Treworgy negli anni ha collezionato più di 200 muscle car americane, dando vita a un vero e proprio museo (uno dei più grandi al mondo della catagoria) a Punta Gorda, in Florida. Ma c’è una brutta notizia: il Muscle Car City sta per chiudere le sue porte per sempre e serve trovare dei nuovi proprietari ai gioielli qui contenuti. Il 22 e il 23 gennaio, il museo ospiterà per questo motivo un’asta in collaborazione con Mecum Auctions.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il nostro listino

Corvette, Chevelle, Camaro

Come in tanti potrebbero pensare, dietro la decisione di chiudere il Muscle Car City non c’è il Covid. Rick Treworgy aveva già in mente di abbassare le saracinesche del suo museo, la pandemia ha solo accelerato il processo. Ma come ha fatto ad accumulare così tante auto?

Joe Biden, la storia d'amore con la sua Chevrolet Corvette che non potrà più guidare

Treworgy è un imprenditore immobiliare, di base quindi c’è un’ampia disponibilità economica che gli ha permesso, negli anni, di collezionare vari pickup Chevrolet degli anni '50 e '60, ma anche Camaro, Chevelle, Pontiac GTO, Chevrolet Impala, Bel Air. Da tenere d’occhio quattro Corvette ZR1 del 1990-91, alcuni modelli Corvette Stingray e qualche Corvette più recente, come una ZR1 del 2010, una Z06 del 2016 e una Stingray del 2020.

Donald Trump, all'asta le sue auto Ferrari e la Rolls-Royce