Car of the YearOrganizzatore italiano del premio
The Car of the Year

Auto, in Italia solo un giovane su 8 ne possiede una

Auto, in Italia solo un giovane su 8 ne possiede una

Secondo il rapporto ACI Autoritratto 2020, crollano i giovani proprietari di auto. Allarme anche sul parco circolante: vetture troppo vecchie e inquinanti

di Lorenzo Lucidi

7 giugno

I giovani italiani possiedono sempre meno auto, a differenza delle fasce di popolazione con età più avanzata, e le vetture che circolano in Italia sono troppo vecchie e inquinanti. Sono questi i dati che emergono dal rapporto Autoritratto 2020, studio annuale effettuato da ACI sullo stato dell'automobile nel Paese. Secondo il report, negli ultimi 10 anni è calata drasticamente la quota di under 25 che risulta possedere un'autovettura, mentre una tendenza opposta si è registrata nella fascia over 50. ACI, inoltre, ha posto l'attenzione sull'età media troppo elevata del parco circolante italiano, e sull'ancora eccessiva presenza di vetture altamente inquinanti rispetto a elettriche e ibride.

Marco Granelli, Ass. Mobilità e lavori pubblici comune di Milano: I giovani e la Mobilità

In calo i giovani automobilisti in Italia

In Italia i giovani amano sempre meno l'auto? La risposta è difficile da dare, ma un dato è certo: le ragazze e i ragazzi che acquistano una vettura personale sono sempre di meno. A dirlo è l'ultima edizione del report Autoritratto di ACI, che da decenni fotografa la situazione del parco circolante italiano considerando parametri come l'età dei proprietari di autoveicoli. Secondo il report, nel 2020 appena il 12,2% degli under 25 italiani risulta possedere un'automobile: circa 1 su 8, un dato in netto calo rispetto a un decennio fa: nel 2011 erano 1 su 5, il 20,5%. Si tratta di un crollo di oltre il 40%. Al contrario, i proprietari di vetture private hanno registrato sensibili aumenti nella fascia adulta della popolazione, specie in quella 51-60 anni (+20,2% rispetto al 2011) e in quella over 70 (+38,3%).

Le cause della crescente percentuale di giovani che sceglie di non possedere un'auto sono molteplici, a partire da quelle economiche: in media in Italia mantenere una vettura costa 260 euro al mese, e i guidatori meno esperti devono fare i conti con assicurazioni particolarmente onerose. “I neopatentati continuano ad essere gli assicurati più tartassati d’Italia – denuncia Assoutenti - e per assicurare una autovettura arrivano a spendere fino a 1.037 euro annui, a fronte di un costo medio dell’Rc auto in Italia pari a 379 euro”. Dati che si scontrano con quelli sulla disoccupazione giovanile, che a marzo in Italia ha raggiunto quota 33%, la seconda più alta tra i Paesi OCSE dopo la Spagna. Oltre all'aspetto economico, da considerare poi le sempre maggiori alternative all'auto privata, come la micromobilità elettrica (monopattini, quadricicli, eccetera) e la mobilità in sharing, che permette di usufruire di mezzi in condivisione senza doverli possedere.

Neopatentato ma con una McLaren: pecca di vanità e i carabinieri sequestrano tutto

Auto vecchie e inquinanti secondo il rapporto ACI

Il rapporto Autoritratto di ACI ha poi fotografato anche la situazione dell'età del parco circolante italiano, considerando le fasce d'inquinamento. Secondo lo studio, nel 2020 nel Paese erano presenti ancora 3,8 milioni di vetture immatricolate prima del 1993, quindi altamente inquinanti e in gran parte Euro 0. Una presenza ingombrante, specie nel Mezzogiorno (Campania, Calabria e Sicilia le regioni con la più alta percentuale di auto con oltre 28 anni di età). Al contrario risultano ancora pochi i veicoli ecologici: solo una su 10 secondo i criteri attuali.

Secondo il report infatti il parco circolante italiano registrava nel 2020 appena il 6,7% di vetture a doppia alimentazione benzina-GPL, il 2,5% a benzina-metano, l'1,4% di ibride e lo 0,1% di elettriche. Numeri che tuttavia sembrano destinati a migliorare nettamente in breve tempo: lo scorso anno il numero di vetture elettrificate presenti in Italia è cresciuto del 67%, registrando picchi di oltre il 100% in regioni come la Valle d'Aosta e la Basilicata. Merito, spiega il rapporto, anche delle società di noleggio e sharing che stanno investendo molto su questo tipo di veicoli.

Dai rottami, l'auto dei sogni: l'impresa di un ragazzo ghanese

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi