Manutenzione estiva dell'auto: siamo già in alta stagione, nel periodo in cui la vettura, in procinto di affrontare viaggi lunghi e temperature elevare, dovrebbe essere sottoposta a un check-up approfondito.

In primis, il climatizzatore, che da tre/quattro decenni ha cambiato il modo di viaggiare d'estate. Rendendo l'auto ospitale anche per lunghe tratte, a prescindere da qualsiasi temperatura esterna.

La manutenzione dell'aria condizionata

Il malfunzionamento dell'aria condizionata può rovinare davvero molte ore di una vacanza, facendo arrivare, o tornare, il guidatore e l'equipaggio sotto stress, malessere e con una bella dose di frustrazione.

Per mantenere affidabilità, i climatizzatori necessitano di una quantità sufficiente di refrigerante e di una regolare manutenzione. Prestazioni di raffreddamento ridotte e odori sgradevoli all’interno dell’abitacolo possono essere causati da difetti, insufficienza di refrigerante nell’impianto di condizionamento dell’aria o magari dal filtro abitacolo intasato.

Gli impianti A/C perdono un poco di refrigerante anche senza fughe, quasi tutti i Costruttori raccomandano la manutenzione e il controllo almeno una volta all’anno, preferibilmente in primavera, prima che la stagione dei pollini cominci.

Va eseguito un test di ermeticità, dove viene drenato l’impianto e lo riempito con la quantità ottimale di refrigerante, che poi può essere recuperato e riutilizzato fino al 99%. Anche i filtri abitacolo devono essere sostituiti: sempre una volta all’anno o ogni 15.000 chilometri.

Ancora più cruciale il corretto funzionamento degli impianti di condizionamento dell’aria sulle auto elettriche. Oltre a garantire temperature confortevoli all’interno dell’abitacolo, rivestono un ruolo essenziale anche per la gestione termica. Raffreddano le batterie e le mantengono alla temperatura di funzionamento ottimale durante il processo di carica e in caso di carica rapida. In questo modo, i sistemi di climatizzazione non solo aiutano le batterie a raggiungere una lunga durata, ma supportano anche procedimenti di carica efficaci.

Già detto delle gomme, sarebbe bene anticipare il tagliando prima di partire. Superare il chilometraggio consigliato durante le vacanze non porterebbe certo serenità. Vale per tutte le destinazioni, ma con un'attenzione superiore alla montagna, con le sue salite e le sue viscere: occhio ai freni, fateli vedere.

Occhio ai tergi

Acquazzoni, grandinate e bombe d'acqua sono ormai una regola: un occhio ai tergicristalli è d'uopo. Anche perché se le spazzole sono a fine corsa, possono rigarvi il parabrezza.

Infine una manutenzione che con la pandemia è diventata regola: sanificare il veicolo: munirsi di gel e disinfettanti.

LEGGI ANCHE SULLO STESSO ARGOMENTO

- Quali sono i controlli da fare prima di partire
- Come caricare gli animali in auto
- Il modo più sicuro per caricare i bagagli in auto