Car of the YearOrganizzatore italiano del premio
The Car of the Year

Citroën C5 X, sfida alle berline tedesche

Citroën C5 X, sfida alle berline tedesche

Attesa sul mercato a inizio 2022, l'ammiraglia francese punta a diventare una concorrente agguerrita delle tedesche

di Roberto Gurian

16 luglio

Non è facile fare concorrenza ai costruttori tedeschi quando di tratta di berline di prestigio. Pochi ci sono riusciti e in molti hanno dovuto alzare bandiera bianca anche per una questione di immagine oltre che qualità. Adesso ci riprova la Citroën con la C5 X, nuova ammiraglia di famiglia che è stata presentata fisicamente in attesa del lancio nella seconda parte dell’anno e vendite che inizieranno presumibilmente tra dicembre e l’inizio del 2022. I responsabili del Marchio francese si sentono abbastanza sicuri di una vettura che ha una linea moderna e caratteristica pur senza arrivare all’apice irripetibile della DS, la Citroën di maggior prestigio di sempre. La C5 X vuole essere piuttosto la Citroën più avanzata di sempre.

Citroen C5 X, l'ammiraglia del Double Chevron

Citroen C5 X, l'ammiraglia del Double Chevron

Citroën presenta C5 X, la sua nuova ammiraglia, che rinnova il segmento delle berline grandi stradiste con un design originale, rappresentazione di una sintesi fra la berlina e la Station Wagon, una proposta innovativa nella più pura tradizione delle grandi automobili Citroën

Guarda la gallery

La scheda tecnica

L’obiettivo primario è quello di arrivare al massimo livello di comfort possibile. L’abitabilità, in particolare sui sedili posteriori, è garantita da generose dimensioni esterne, con una lunghezza di 4805 mm, un passo di ben 2785 mm e una larghezza di 1865 mm. Di rigore le sospensioni attive con controlli avanzati che promettono una comodità di livello superiore agli occupanti. Finiti con cuciture e impunture di prestigio, i sedili sono realizzati con un’imbottitura speciale formata da schiume ad alta densità per un ottimale sostegno del corpo. La plancia è moderna, resa quasi futuristica dal grande touchscreen centrale da 12” di comando del sistema di infotainment. Non mancano tutti i dispositivi di sicurezza e assistenza alla guida, che può essere di tipo semiautonomo di secondo livello, oltre a un rinnovato head-up display a colori e con proiezione delle immagini in tre dimensioni sul parabrezza. Il bagagliaio, da parte sua, ha un volume minimo di 545 litri, aumentabili a 1640 con l’abbattimento degli schienali posteriori.

I motori al lancio

Per quanto riguarda le versioni, è annunciata quella ibrida plug-in da 225 cavalli con un’autonomia elettrica di circa 50 km sino a una velocità massima di 135 km/h. Ad essa saranno affiancate quelle a benzina mentre per i diesel sembra non esserci spazio.

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi