Audi R8 V10 performance RWD, Coupé e Spyder d'ispirazione GT4

Audi R8 V10 performance RWD, Coupé e Spyder d'ispirazione GT4

Audi produce un ulteriore balzo nella potenza massima del V10 da 5.2 litri e su R8 RWD porta il 60% dei componenti impiegati dalla versione da corsa omologata per la Classe GT4

7 ottobre

Non è ancora al canto del cigno, in attesa di un futuro che Audi Sport dovrà definire se e quando imboccherà la via dell'elettrificazione a batteria. Audi R8 V10 performance RWD rilancia, lo fa con la formula sportiva tra tutte più classica ed emozionale. Il motore aspirato da 5.2 litri e una tecnica perfezionata sulla base delle esperienze nelle competizioni, dove è R8 LMS GT4 nella relativa categoria FIA.

Con quel progetto condivide ben il 60% dei componenti, raffinatezze come le barre antirollio in materiale composito, in CFRP. Si innestano in un impianto ben noto, dal telaio in alluminio spaceframe al motore aspirato.

Audi R8 V10 RWD

Audi R8 V10 RWD

Audi sviluppa ulteriormente il progetto R8 a trazione posteriore, lanciando con carrozzeria Coupé e Spyder la V10 performance da 570 cavalli. C'è molto nella tecnica di condiviso con la versione da gara, omologata in classe GT4

Guarda la gallery

Motore evo

L'ultima evoluzione del V10 da 5.2 litri FSI eroga 30 cavalli e 10 Nm in più, arrivando a valori assoluti di 570 cavalli e 550 Nm di coppia. Il blocco motopropulsore al retrotreno è completato dal cambio doppia frizione 7 marce e dal differenziale autobloccante di tipo meccanico. Un mondo di divertimento messo in mano al pilota, dove l'elettronica è un supporto per i meno avvezzi alla prestazione e alle risposte di una supercar come la R8 due ruote motrici.

C'è un affinamento dedicato dell'assetto e dell'elettronica, specifici per la RWD R8 Coupé e Spyder, tale da consentire una guida che lascia spazio per traversi di potenza conservando la sicurezza di un intervento dell'ESC quando si supera il limite. Una dinamica bilanciata tra modalità dynamic del selettore di guida e l'ESC impostato in modalità Sport (un po' più libero nelle perdite di aderenza e stabilità).

Leggi anche: Crisi dei chip, la produzione di auto in Germania torna ai livelli del '75

Lo stile delle Audi R8 RWD V10 è unico per l'interpretazione della fascia paraurti anteriore, per i terminali di scarico ovali, in un impianto di stile fedele a se stesso sin dall'esordio e da considerare senza tempo.

Novità carboceramici

Per la prima volta Audi offre un impianto carboceramico sulla R8 trazione posteriore, in alternativa al set di freni con dischi in acciaio e pinze a 8 pistoncini. Un altro dispositivo che si farà apprezzare, lo sterzo a demoltiplicazione variabile in funzione della velocità. È contorno, invece, tutto quel che non attiene alla prestazione, dall'Audi Virtual Cockpit da 12,3 pollici ai rivestimenti in Alcantara e pelle, con cuciture blu e inserti in plancia in carbonio lucido: tutto racchiuso nel pacchetto performance.

Prestazioni

Dove sta l'essenza è nei numeri dichiarati da Audi, su R8 Coupé dal peso di 1.590 kg e R8 Spyder RWD da 1.695 kg. Lo zero-cento orari è liquidato in 3"7, la velocità massima si attesa sui 329 km/h. Non resta che ordinare un esemplare, dal prossimo 21 ottobre, in attesa della commercializzazione prevista nel primo trimestre del 2022. 

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi