Vista in anteprima a febbraio, la nuova DS 4 è pronta per gli ordini già da ora, con consegne a partire dalle fine dell’anno, se la crisi dei microchip non ci metterà lo zampino. Quella che è la nuova versione del Suv del segmento C della DS si presenta con una forma slanciata e diversi allestimenti opzionali con accenti sulla sportività o l’eleganza. Lo stile ha portato a una carrozzeria con linee decise, a volte spigolose, e fari sottili. Quasi di rigore il tetto spiovente all’indietro, che caratterizza in maniera sportiva anche la nuova creatura francese. La base di telaio è quella della collaudata piattaforma EMP2, però modificata per il 60% delle componenti. Il cofano è ribassato e allungato mentre i cerchi delle ruote arrivano sino a 20” di diametro con una misura minima di 17. I fari sono a Led di serie su tutti gli allestimenti, con il sistema di illuminazione Matrix disponibile per le versioni meglio accessoriate.

DS marchio solo elettrico, nel 2024 arrivano due novità

DS 4, comfort anche plug-in hybrid

Il ventaglio della gamma propone due versioni a benzina e una turbodiesel, oltre all’ibrida plug-in E-Tense che abbiamo provato per prima e che in listino a partire da 40.760 euro contro i 30.250 euro della Puretech a benzina da 130 cavalli d’accesso. La cura degli interni e la scelta di finiture in materiali pregiati caratterizzano la DS 4. Buona l’abitabilità anteriore mentre dietro lo spazio è più ridotto anche se due persone viaggiano comodamente alle spalle di guidatore e passeggero al suo fianco. Il bagagliaio ha un volume di 390 litri, leggermente inferiore a quello delle altre versioni per via della presenza della batteria al litio sotto il piano di carico. Nuovi il sistema multimediale con touchscreen centrale da 10” e lo Smart Touch nel tunnel centrale con comandi digitali supplementari. Anche la strumentazione è digitale, con il complemento a richiesta opzionale di quello che ora è un più articolato head-up display davanti agli occhi del guidatore.

La E-Tense è spinta dall’ormai noto sistema ibrido plug-in che si basa su un 4 cilindri turbo a benzina abbinato a un motore elettrico da 81 kW per una potenza massima complessiva di 225 cavalli. Le prestazioni dichiarate indicano in 233 km/h la velocità massima e in 7”7 il tempo in accelerazione da 0 a 100 km/h. Quattro le modalità di impiego: Sport, Hybrid, Comfort ed Electric. Usando solo l’energia elettrica si possono percorrere circa 45 km.

Le caratteristiche dinamiche privilegiano il comfort di marcia anche nella modalità più sportiva a disposizione con regolazione più rigida delle sospensioni a controllo elettronico. Il rollio non incide comunque in maniera negativa sul comportamento della nuova DS 4 che garantisce sempre un’ottima tenuta di strada. Il cambio automatico a 8 marce può essere usato anche come un manuale, con paddles al volante finalmente solidali alle razze dietro cui sono montati. Ottimi i consumi, con la facile possibilità di percorrere 16-17 km con un litro di benzina. Immancabili, per finire, tutti i sistemi di sicurezza e aiuto alla guida più avanzati.

Citroën C5 X, sfida alle berline tedesche