Stesse doti della berlina, ma con un'attenzione particolare a chi cerca tanto spazio per i bagagli. La partita tra le station ad alte prestazioni registra l'arrivo di Mercedes-AMG E 63 S 4Matic+, esercizio che fissa l'asticella molto in alto, riferimento per chiunque vorrà provare a far meglio: 612 cavalli, 850 Nm. Un po' più giù resta la E 63 AMG d'accesso: 571 cavalli e 750 Nm. Due proposte differenziate per potenza e soluzioni tecniche. Differenziale posteriore a controllo elettronico per la S, classico meccanico autobloccante per E 63 4Matic+. Dischi maggiorati a 390 mm di diametro contro 360 mm, l'impianto carboceramico è un optional.

I supporti dinamici del motore consentono di privilegiare ora il comfort ora la prestazione, trasformandosi in elementi rigidi per una maggior reattività dall'insieme motore-telaio, dettaglio appannaggio esclusivo della S. L'elettronica propone l'AMG Dynamic Select su entrambe le versioni, la differenza è costituita dalla modalità Race per AMG E 63 S, accanto ai settaggi Comfort, Sport, Sport Plus e Individual, ciascuno a incidere sull'insieme delle taratura di sospensioni (pneumatiche, multicamera, su carreggiate allargate di 27 millimetri), sterzo, motore, cambio, ESP. Controllo di stabilità che può essere totalmente escluso o rivisto nella soglia di intervento, in modalità Sport Handling.

Le prestazioni di Mercedes AMG E 63 S 4Matic+ sono, scontato dirlo, elevatissime e passano da uno scatto da 0 a 100 km/h in 3"5 (3"6 per la 571 cavalli) e 250 km/h di velocità massima, limitatore che può spostarsi più in alto, a 290 km/h con l'AMG Driver Pack. Il ricorso alla trazione integrale 4Matic+ segue quanto già fatto con Classe E AMG berlina, siamo di fronte a un sistema in grado di variare la ripartizione della coppia continuamente tra avantreno e retrotreno, ricorrendo a un giunto a controllo elettronico, intervento necessario quando la motricità al posteriore non è sufficiente. 

L'efficienza di una station wagon con motore da GT, tale è il V8 in questione, passa anche da accorgimenti come i turbocompressori Twin Scroll e il sistema di disattivazione dei cilindri ai carichi parziali, per ottimizzare i consumi. Il cambio 9 marce Speedshift MCT è di fatto il 9G-Tronic privato del convertitore di coppia e con una frizione a bagno d'olio, completato da un software di gestione modificato e la possibilità di ricorrere al tasto M per cambiate totalmente manuali.

Le doti di carico sono quelle apprezzate su Mercedes Classe E station wagon, opzione cargo inclusa, che permette di conservare la configurazione 5 posti, ma ricavare 30 litri aggiuntivi nel bagagliaio grazie all'inclinazione 10° più verticale degli schienali. Il volume oscilla tra i 640 litri e un valore massimo di 1.820 litri con gli schienali posteriori abbattuti.

Classe E 63 AMG berlina, la prova su strada

La prima uscita di Classe E 63 AMG wagon sarà al Salone di Ginevra, subito dopo, da aprile, l'apertura degli ordini e l'arrivo sul mercato atteso a giugno. Debutto sotto forma di allestimento Edition 1: due colorazioni specifiche tra grigio e nero della gamma designo magno, cerchi da 20 pollici nero opaco, sedili in pelle Nappa con cuciture gialle, sono alcuni degi dettagli di stile che per i primi 12 mesi i clienti troveranno disponibili nelle concessionarie.