Kia Optima Sportswagon, la carica dei millesei

Al Salone di Ginevra, tanto la versione berlina che station wagon introducono due motori 1.6 litri, turbo benzina e Diesel. Novità della gamma Kia Optima 2019 affiancate da aggiornamenti estetici e sui sistemi di sicurezza 

28 febbraio 2018

L'aggiornamento più significativo si nasconde alla vista, su Kia Optima Sportswagon. Su strada dalla prossima estate, in Europa, tanto la variante station wagon che la berlina introducono migliorie estetiche di secondo ordine, rispetto agli interventi al capitolo motorizzazioni. Un'offerta che annovera unità benzina turbo, una variante ibrida plug-in e una Diesel, vedrà l'aggiornamento ruotare intorno al debutto del motore 1.6 litri CRDi in sostituzione dell'1.7 litri, rispetto al quale adotta il post-trattamento dei gas di scarico con iniezioni di urea: SCR per abbattere gli NOX, un millesei in regola con le norme antinquinamento Euro 6d. Emissioni e consumi più bassi, a fronte di un marginale riposizionamento in termini di potenza e coppia: 136 cavalli e 320 Nm, espressi già a 2.000 giri/min, sono i numeri del CRDi 1.6 (-5 cavalli e -20 Nm rispetto al millesette).

Per un passaggio di testimone al capitolo Diesel, le possibilità a benzina registrano l'introduzione del motore turbo 1.6 litri T-GDI accanto al 2 litri turbo della Kia Optima Sportswagon GT. Un propulsore da 180 cavalli, proposto in abbinamento al cambio doppia frizione 7 marce. Sulla risposta del propulsore e della trasmissione interviene anche il rinnovato selettore delle modalità di guida, tra l'attenzione ai consumi del profilo Eco, le proposte Comfort e Sport, fino alla Smart, automatismo in grado di personalizzare cambio, motore e taratura del servosterzo in funzione dello stile di guida rilevato.

Kia Optima Sportswagon 2019: foto

Kia Optima Sportswagon 2019: foto

E' tempo di aggiornare l'offerta di motorizzazioni, in casa Kia Optima berlina e Sportswagon. Anteprima al Salone di Ginevra per il model year 2019, in vendita dalla prossima estate, che introduce un motore 1.6 CRDi in sostituzione dell'1.7, rispetto al quale ha emissioni e consumi inferiori; sul fronte benzina, ecco debuttare l'1.6 T-GDI accanto alla proposta ibrida plug-in e turbo 2 litri di Optima GT

Guarda la gallery

Migliora la dotazione, la gamma Kia Optima 2019, per quel che riguarda i sistemi di sicurezza passiva, con l'introduzione del rilevatore di attenzione del guidatore – richiamato da avvisi sonori e visivi, nella strumentazione, in caso di stanchezza o disattenzione alvolante -; non mancano i dispositivi di assistenza alla guida più avanzati, dal mantenimento attivo di corsia al rallentamento automatico se a rischio di incidente, fino ai proiettori full led adattivi in curva e l'automatismo sugli abbaglianti. Le operazioni di manovra risulteranno più agevoli – Optima Sportswagon registra una lunghezza di 4 metri e 86 centimetri - grazie all'Around View Monitor ad alta definizione, con le immagini intorno al veicolo, a 360°, replicate sullo schermo della multimedialità (7 o 8 pollici diagonale), completo di servizi connessi e vano di ricarica a induzione.

Kia Optima, primo contatto con tutta la gamma

Cenno conclusivo alle novità di stile introdotte su Optima 2019. Varia parzialmente design il paraurti anteriore (su Optima berlina anche al retrotreno), i fendinebbia e i proiettori principali a led, la calandra a Naso di tigre guadagna nuovi elementi cromati, i fari posteriori a led aggiornano la grafica, mentre l'offerta di cerchi in lega propone disegni rivisti, in tre diametri: 16, 17 e 18 pollici. L'abitacolo sfoggia l'illuminazione d'ambiente in sei colorazioni, automaticamente abbinate alla modalità di guida scelta tramite il selettore, lo fa su interni con maggiori possibilità di personalizzazione dei rivestimenti, ora con una variante in pelle e una in tessuto marrone.

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi