Car of the YearOrganizzatore italiano del premio
The Car of the Year

Mercedes EQE ripensa la berlina business elettrica a Monaco 2021

Mercedes EQE ripensa la berlina business elettrica a Monaco 2021

Come già EQS, la novità dell'elettrico nativo Mercedes è in un design di rottura rispetto ai canoni classici. Uscita sul mercato nel 2022, due versioni al debutto: EQE due e quattro ruote motrici

6 settembre

La famiglia è rappresentata al completo, o quasi. Al Salone di Monaco 2021, Mercedes introduce due grandi novità su architettura EVA2. La piattaforma elettrica ha debuttato con la EQS berlina e le soluzioni tecniche le ritroviamo su Mercedes EQE. Non solo, vista la presenza sulla scena di Mercedes-Maybach EQS, suv che anticipa l'EQS Mercedes del 2022 (e la successiva proposta Maybach). 

Mercedes EQE al Salone di Monaco

Mercedes EQE al Salone di Monaco

Dopo EQS ecco che arriva la Mercedes EQE, modello un segmento inferiore alla grande ammiraglia. SI tratta di una "berlina" business, dove oggi Classe E rappresenta la prospettiva con motori benzina, diesel e ibridi plug-in. Altissimo tasso tecnologico a bordo, grazie all'architettura EVA2. Lo spazio è notevole, il design abbandona i vincoli dei tre volumi e scrive un linguaggio nuovo e piacevole

Guarda la gallery

Mercedes EQE furba nelle dimensioni

Ma ritagliamo il focus su EQE. Ruolo: grande berlina business, fare quello che riesce a Classe E, per intenderci. Eppure, è così diversa. Lo è nel design, ripensato su fondamenta diversissime, dell'architettura modulare elettrica. Piace, perché supera le proporzioni convenzionali.

Leggi anche: Mercedes EQG, la Classe G diventa elettrica

Cos'è se non una tre volumi? È un unico arco dalla silhouette slanciata, come si legge anche dai dati, conferma di quanto vede l'occhio dal vivo: 4,95 metri, 1,51 metri di altezza, 1,96 metri in larghezza. Quote scritte da un volume anteriore cortissimo, sbalzo pure e una coda fluida, da fastback. Il taglio dei finestrini amplifica l'effetto coupé, l'architettura nativa elettrica consente di massimizzare lo spazio interno. Numeri? Eccoli: 3,12 metri di passo. Dice poco il dato? Riproviamoci: ha il passo di una Classe S termica, al netto di ingombri ben 23 centimetri inferiori in lunghezza. Il bagagliaio assicura pur sempre 430 litri di volume.

Hyperscreen scrive gli interni

Capito il potenziale delle architetture modulari? La EVA2 è condivisa con EQS, progetto 90 mm più lungo di Mercedes EQE. Tratto uniforme tra modelli EQ di nuova generazione, davvero nativi elettrici come EQS, EQE, i futuri suv corrispondenti, è l'adozione dell'infotainment MBUX Hyperscreen, tre schermi in plancia su un'unica superficie vetrata, per un controllo totale e un'interfaccia uomo-macchina sul principio Zero Layer. La contestualizzazione dei menu in base allo scenario di guida e alle preferenze apre a soluzioni del tutto nuove di accedere alle funzioni connesse. 

Motori e versioni aspettando AMG EQE

Superfluo dire come EQE sarà aggiornabile over-the-air e sarà possibile acquistare funzioni ulteriori, anche successivamente all'acquisto. Sul mercato verrà lanciata a metà 2022, in due versioni. Al momento conosciamo le specifiche del motore-batteria di Mercedes EQE 350, da 292 cavalli e un solo motogeneratore elettrico. Sarà affiancata da una proposta con due motori elettrici, 4Matic. Successivamente toccherà alla versione sportiva, con più MGU e potenza fino a 680 cavalli.   Rientrerà verosimilmente nella gamma Mercedes-AMG.

Autonomia da grande stradista elettrica

Al Salone di Monaco, Mercedes EQE rivela una batteria da 90 kWh, energia sufficiente per coprire un range di chilometri fino a 660, nel ciclo WLTP. La ricarica è possibile a corrente continua e 170 kW di potenza (bastano 15 minuti e si ha l'energia per coprire 250 km) come in corrente alternata, da 11 kW il caricatore di serie. Optional la potenza dei 22 kW. Da segnalare, del sistema elettrico EVA2, la possibilità di ricarica bidirezionale: l'auto è in grado di agire da generatore d'energia per dispositivi esterni. 

Leggi anche: smart Concept #1 introduce il futuro suv elettrico

Sempre sul punto della ricarica, la rete di postazioni Mercedes me charge, in continua espansione, assicura l'utilizzo di fonti energetiche rinnovabili. Inoltre, la tecnologia prevede un sistema plug-and-play col quale è sufficiente collegare l'auto alla postazione di ricarica e autonomamente si ha la validazione del proprio account e il successivo pagamento del rifornimento.

Parcheggia da sola, monitorata o no

Se l'ampissimo spazio interno, il pavimento piatto, l'ambiente curato nei materiali come si conviene a una grande tourer premium, rappresentano la cifra estetica e funzionale di EQE, alcune chicche hi-tech meritano comunque la menzione d'onore. Lo è per il parcheggio autonomo di Livello 4, nei garage con l'infrastruttura tecnologica predisposta e dove le normative lo consentono. Si lascia l'auto all'ingresso del garage e il veicolo autonomamente va a occupare lo stallo di parcheggio. Operazione inversa per tornare dal guidatore. L'hardware è a bordo di EQE. Più accessibile e fruibile è il Livello 2 di parcheggio dall'esterno dell'auto, mediante app.

Mercedes EQE al Salone di Monaco

Mercedes EQE al Salone di Monaco

Ecco come è vista dal vivo, al Salone di Monaco, la Mercedes EQE

Guarda il video

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi