La Lancia Thema, quella "vera", celebrata dall’Heritage HUB

La Lancia Thema, quella "vera", celebrata dall’Heritage HUB

Nata nel 1984, ha segnato un decennio: ultima grande vettura del Marchio a riscuotere un prestigio speciale

di Francesco Forni

27 novembre

Quando eravamo re. La Lancia Thema, quella originale nata nel 1984, potrebbe essere perfetta per la celebre frase.

Al celeberrimo modello l’Heritage Hub ha dedicato una tavola rotonda per rievocarne la nascita e il successo. L’epopea dell’ammiraglia che dominò mercato italiano delle berline di prestigio per un decennio e sfidò a viso aperto i più blasonati Marchi europei.

Lancia Thema 1984-1994, la storia

Lancia Thema 1984-1994, la storia

Ricoprì con successo, per il decennio a cavallo tra gli anni ’80 e ’90, il ruolo di ammiraglia del Marchio

Guarda la gallery

Un amarcord particolare per Lancia Thema

L’evento è stato organizzato dal gruppo CAReGIVER, un insieme di oltre 200 ingegneri, tecnici e collaudatori che hanno lavorato nella galassia Fiat nella seconda metà del secolo scorso e che continuano ad amare l’automobile.
Dopo il saluto di Roberto Giolito, Head of Stellantis Heritage (Alfa Romeo, Fiat, Lancia, Abarth) e un intervento di Paolo Loiotile, Head of Lancia Product at Stellantis, sul palco sono saliti alcuni degli artefici dell’iconica vettura Lancia di allora dando vita a un dibattito moderato dal giornalista Francesco Forleo.

Presenti Beppe Perlo, Mauro Palitto, Paolo Massai, Bruno Cena, Luigi Filtri, e Vincenzo Nervi. Ciascuno di loro ha ricordato gli aspetti che seguì in prima persona, ricostruendo l’importanza del modello nato su una piattaforma condivisa con Fiat, SAAB e Alfa Romeo, che rappresentò uno sforzo progettuale e manageriale di grande portata. E accanto agli oratori l’intera gamma di Lancia Thema, appartenente alla preziosa collezione di Heritage Stellantis.

La storia e il successo di Lancia Thema

È stata la sintesi di molte qualità: potente, confortevole, elegante, mai eccessiva. Tra gli anni Ottanta e Novanta Lancia propose al mercato un modello che segnò il ritorno dell’industria automobilistica italiana nel settore delle berline medio-superiori di prestigio.

Il progetto “Tipo 4”, sviluppato in comune con Saab ed esteso successivamente a Fiat per la Croma e ad Alfa Romeo per la 164, viene interpretato da Lancia, in collaborazione con Giorgetto Giugiaro, in modo molto classico: tre volumi e quattro porte, linee squadrate e pulite, grande abitabilità, comfort e prestazioni di prim’ordine.

La trazione è anteriore, il motore trasversale, le sospensioni a quattro ruote indipendenti e il Cx ha un valore eccellente: 0,32. Al pubblico piace questa berlina silenziosa e signorile che in strada sfodera un temperamento agile, nonostante le dimensioni, e brillante: il successo di Thema in tutte le sue versioni è immediato. Le richieste sono tali che a un paio d’anni dal lancio, occorre incrementare i volumi produttivi e contemporaneamente mantenere una grande attenzione alla qualità.

Thema-Ferrari, una vera icona

La Thema è stata prodotta, tra il 1984 e il 1994, in 360 mila esemplari, risultando la berlina di lusso più venduta nella storia della Lancia.

Nel 1986 la gamma dell’ammiraglia Lancia si completa con la Thema Station Wagon e la Thema 8.32, entrambe nate da collaborazioni con marchi prestigiosi.

La prima, infatti, è realizzata con Pininfarina, che sulla base della berlina ricava una station wagon dalla linea elegante e dalla funzionalità elitaria, alla quale Lancia applica inizialmente solo motori sovralimentati (il 2.0 i.e.turbo benzina e il 2.5 TD) per sottolineare il carattere élitario della vettura.

Nella realizzazione della Thema 8.32, il partner è addirittura la Ferrari, che fornisce il propulsore a 8 cilindri e 32 valvole (da qui il nome). Subito ribattezzata dal pubblico Thema-Ferrari, la vettura ha un interno lussuoso in radica e pelle, un piccolo alettone posteriore a scomparsa e grazie al tre litri di Maranello dispone di 29 kgm di coppia e raggiunge i 240 km/h di velocità massima.

Senza contare che il modello Thema propone per la prima volta le sospensioni “autolivellanti” e quelle “a smorzamento controllato”. Le prime assicurano un assetto costante alla vettura e quindi un comfort elevato e facilità di guida in ogni condizione di carico. Le seconde, adottate nell’89, sono frutto di un progetto originale e portano la Lancia all’avanguardia nel campo del controllo elettronico della dinamica delle sospensioni. Attraverso un controllo elettronico, infatti, il sistema governa sia la regolazione della flessibilità delle sospensioni posteriori, sia la taratura degli ammortizzatori e ne modifica la taratura, scegliendo di volta in volta quella ottimale.

Non ultimo, su alcune versioni della Thema viene adottata anche un’altra innovazione che è una prima mondiale: i cristalli del tipo “Solextra”, capaci di ridurre il riscaldamento dell’abitacolo provocato dall’irraggiamento solare.

Nell’arco dei suoi dieci anni di vita la Thema viene costruita in tre serie: 1984/1988 la prima serie; 1988/1992 la seconda; 1992/1994 la terza ed ultima. Chiudendo un’epoca.

Potrebbe interessarti: Lancia, all'asta una rara Delta Integrale in Giallo Ginestra 

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi

Auto, copertina del meseAuto, copertina del meseAuto, copertina del mese