Presentazione

L'influenza del mondo della Formula Uno con quello delle vetture stradali più sportive è sempre stata indubbia, e tutto sommato ben accetta. È appena il caso di ricordare come parallelamente all'avvento del turbo nella massima categoria automobilistica, la Renault accompagnò quello della sempre indimenticata R5 GT Turbo nel settore stradale. Qualcosa del tutto simile sta accadendo anche in questo periodo: per quanto non tutti lo sappiano, al di fuori degli appassionati, la F.1 sta passando ad una nuova tipologia di motorizzazione, quella 1.6 sovralimentata. Ed ecco che anche nel campo delle berlinette sportive si va adottando la stessa scelta. Che, intendiamoci, era già considerata valida anche a prescindere dalle monoposto, tant'è vero che motori di questo tipo si erano già visti in tempi non sospetti, come è il caso di Opel Corsa OPC e Mini Cooper S. In questa occasione passiamo però a saggiare le ultime proposte che in effetti a tali modelli fanno concorrenza diretta: parliamo della Ford Fiesta ST, della Peugeot 208 GTi e della Renault Clio RS, tutte vetture apparse da poco sul mercato e dotate di motori 1.6 turbocompressi.

Con 200 cv o poco meno - la Fiesta ne offre 182 - si tratta inequivocabilmente di tre piccoli “mostri” con ben pochi compromessi, anche dal punto di vista dell'assetto. Questo senza tuttavia rinunciare a qualche dotazione e soprattutto a una certa sicurezza, sia nel comportamento al limite, sia per accessoristica e controlli elettronici. In questo senso c'è comunque qualche differenza che concorre a definire il carattere finale di ciascuna: più tradizionale e quasi spartana la Fiesta ST, più sfiziosa e accessoriata la 208 GTi, più equipaggiata “da corsa” la Clio RS (è l'unica con il cambio al volante, per esempio). Il tutto con prezzi ancora “alla portata” dei giovani cui si rivolgono, e con un comportamento sempre in grado di offire emozioni.