Semplicemente due mondi diversi. La sportività di Porsche 718 con il turbo 2.5 litri e il mondo Porsche 718 Cayman e Boxster 4.0, boxer aspirato 6 cilindri. Sceglie la strada più coinvolgente ed emozionale per i sensi, Porsche 718 GTS 4.0: coupé e roadster vicine per ambizioni alla GT4 e alla Spyder, entrambe gemelle siamesi di Cayman e Boxster GTS 4.0 nella componente del motore.

Due integrazioni all’offerta 718, quella che in futuro potrebbe introdurre anche una versione elettrica, nei piani Porsche. E se il turbo benzina 2.5 litri di GTS da 365 cv è un campione di coppia, tanto da valere gli stesi 420 Nm di 718 GT4, ma a un ben più favorevole, nell’impiego quotidiano, regime di rotazione (1.900 giri/min anziché 5.000), il boxer aspirato da 4 litri ripaga con il sound.

Motore boxer di 718 GTS 4.0

Sono 400 cavalli che galoppano all'unisono a 7.800 giri/min, zona rossa dove la sonorità inevitabilmente si fa inebriante, con la linea di scarico presa pari pari da 718 GT4. Dedicate a chi trova appagamento nei dettagli, che sia il canto del motore aspirato, la tipologia di erogazione o altri contenuti tecnici previsti di serie da Porsche.

Le 718 GTS 4.0 andranno su strada, dal prossimo marzo, con lo Sport Chrono package di serie, comprensivo (soprattutto) dei PADM – Porsche Active Drivetrain Mounts, i supporti di motore e trasmissione attivi, in grado di modificare la rigidità e, di conseguenza, il livello di simbiosi tra scocca e motopropulsore.

Trasmissione tutta "manuale"

I particolari che contano, su Cayman e Boxster GTS 4.0 sono anche la presenza del cambio manuale 6 marce, del differenziale dal funzionamento completamente meccanico e a slittamento limitato, del Porsche Torque Vectoring e delle sospensioni PASM, a controllo elettronico e con un’altezza da terra ridotta di 20 mm. Assetto che comprende anche il set di cerchi da 20 pollici, con freni a richiesta carboceramici.

L’elettronica che sorveglia sulla dinamica di marcia, Porsche Stability Management, ha una modalità Sport dedicata.

Il boxer 6 cilindri non raggiunge le vette dell’impiego su 718 GT4 e Spyder, rispetto alle quali è 20 cavalli meno potente, offre però l’impianto tecnico con iniettori piezoelettrici, controllo variabile dell’aspirazione e, piccolo aiuto a consumi ed emissioni, le rare volte in cui si possa immaginare di andare a spasso con cotanto rappresentante della tecnica motoristica, il sistema Adaptive Cylinder Control.

Telemetria di serie

È il dispositivo di esclusione di una bancata del boxer, 3 cilindri “spenti” ai carichi bassi. Estremo opposto è la previsione del Porsche Track Precision app di serie, per leggere tutti i parametri della prestazione durante la guida, sull’infotainment da 7 pollici dell’auto, oppure, se in pista, dal registro dati consultabile successivamente dalla app. Pista, dove spremere tutto il potenziale di prestazioni sintetizzate nei 4"5 sullo 0-100 km/h e i 293 km/h di velocità massima.

Le GTS 4 litri sfoggiano il consueto design della gamma 718, arricchito da cerchi da 20”, pinze freno rosse, logo GTS 4.0 dietro le ruote anteriori, interni rivestiti in Alcantara (a scelta, con cuciture rosse o color Crayon del pack GTS Interior, dettagli estesi alle cinture di sicurezza e il quadrante del contagiri). Optional, l’infotainment arricchito del navigatore e info sul traffico in tempo reale, controllo vocale e audio premium targato Bose o Burmester.

In attesa dell’ufficializzazione dei prezzi per il mercato italiano, in Germania si parte da 81.926 euro per Porsche 718 Cayman GTS 4.0 e da 83.949 euro per Porsche 718 Boxster GTS 4.0.

Porsche 911 ibrida no al plug-in, prestazioni over-GT2 RS