Procede secondo i piani lo sviluppo della Murray T.50, che verrà prodotta nel 2022. Un anno più tardi sarà la volta della T.50s Niki Lauda (leggi il confronto tra soluzioni tecniche con Pagani Huayra R), che avrà un prezzo di 3,6 milioni di euro al cambio attuale.

Ecco, questo e non solo ha in serbo Gordon Murray Automotive, che ha annunciato investimenti da parte del Gruppo per 300 milioni di sterline (350 milioni di euro) destinati alle divisioni Design, Automotive e Ricerca e Sviluppo. Verrà creato, inoltre, un reparto Gordon Murray Electronics che lavorerà nello specifico sulla progettazione e processi di ingegnerizzazione di auto elettrica ad alto tasso di innovazione.

Murray elettrica

Agli antipodi dell'estrema e pura Murray T.50 c'è la citycar e, per di più, elettrica. L'azienda del progettista sudafricano presenterà una piccola da città, elettrica, con carrozzeria suv. Avrà dimensioni inferiori ai 4 metri, sfruttati però con un'architettura innovativa. Una variante piccolo van, per le consegne urbane, completerà la gamma.

Già in passato Gordon Murray ha sviluppato i concetti dell'architettura iStream modulare, che della leggerezza faceva il proprio punto di forza. Seguirà lo stesso principio per la progettazione futura, auto estremamente leggere pur essendo elettriche. Il mix può riuscire grazie all'architettura e ai materiali avanzati, insieme a pacchi batterie dimensionati il più possibile al ribasso: un'auto più leggera consuma meno energia e quindi sono necessari meno kWh. 

Leggerezza di prodotto e produzione

Insieme alla progettazione di un'architettura leggera, gli investimenti del Gruppo Murray andranno sull'ottimizzazione dei processi produttivi, improntati alla semplificazione. Un business il più possibile snello, quindi.

"Il futuro del mondo automobilistico sarà sempre più elettrificato ed è fondamentale che progettiamo le elettriche più leggere ed efficienti al mondo. Questo importante investimento in Gordon Murray Design e la creazione di Gordon Murray Electronics realizzerà tale obiettivo. Il lavoro in fase avanzata è già in corso e condivideremo presto ulteriori notizie sulla nostra piattaforma elettrica", spiega il prof. Gordon Murray.

Lunga vita al motore benzina

Il progettista che più di altri, nel panorama della produzione industriale automobilistica, incarna i concetti di purezza estrema, dall'aerodinamica al peso estremamente ridotto, fino al motore termico aspirato, non si converte certo al credo del solo elettrico. 

"La T.50 sarà rilevante per altri versi, gran parte di quanto appreso dalla T.50 su materiali avanzati, leggeri, e la costruzione avranno un ruolo chiave nelle auto elettriche che andremo a sviluppare. Ma non stiamo abbandonando il motore termico, continueremo a creare l'apice delle auto per guidatori, con motori V12 fintanto che le normative lo consentiranno. In futuro svilupperemo anche i nostri motori ibridi ed elettrici", rassicura Murray.