Alfa Romeo Giulia Zagato SWB rivela tre dettagli di stile

Alfa Romeo Giulia Zagato SWB rivela tre dettagli di stile

Presentazione nel 2023, quando si celebreranno i 60 anni dal debutto, novembre 1963, dell'Alfa Romeo Giulia Zagato TZ. Numerosi gli interventi della carrozzeria Zagato sulla SWB

19 dicembre 2022

Il 2023 darà un anno che regalerà due novità ad alto tasso emozionale, in casa Alfa Romeo (qui trovi i modelli sul mercato dell'usato). Da un lato la supersportiva in piccola serie firmata direttamente dalla casa del Biscione, dall'altro, il progetto curato da Zagato, a celebrare i 60 anni dal debutto dell'Alfa Romeo Giulia Zagato TZ. 

È un procedere per teaser, anticipazioni diffuse su Instagram dall'atelier di Terrazzano di Rho, dettagli che orientano sui contenuti della Giulia SWB Zagato. La sigla dice già di una caratteristica tecnica, SWB - Short Wheelbase che sarà passo corto rispetto al valore di 2,82 metri dichiarato dalla Giulia. Sotto al cofano avremo il V6 2.9 litri twin turbo, nell'applicazione da 510 cavalli sull'esagerata Quadrifoglio, dove la GTAm si spinge fino a 540 cavalli.

Alfa Romeo e Zagato, la storia continua

Alfa Romeo e Zagato, la storia continua

Alfa Romeo e Zagato, hanno collaborato per creare alcune auto tra le più belle al mondo. A più di 10 anni di distanza dopo la TZ3, che in realtà era una Viper, il Biscione e il carrozziere Milanese tornano a unire le forze per creare una nuova opera d'arte attesa per il 2023. Le aspettative sono alte perché, quando queste due realtà lavorano assieme, sono capaci di capolavori. Guardate per credere

Guarda la gallery

Carbonio a vista, due posti e stile spigoloso

Sarà una Zagato due posti, con sedili in carbonio e una gabbia di irrigidimento della scocca al posto dei sedili posteriori. Dai teaser di nota la lavorazione in carbonio a vista sul tetto, oltre a dettagli quali l'apertura di sfogo dell'aria dal vano motore, triangolare nelle tipiche curvature Zagato. 

Il frontale della Giulia SWB Zagato avrà una fascia più verticale e spigolosa rispetto alla Giulia come anche alle forme elegantissime e morbide della Giulia TZ 1963. Il trilobo anticipa linee sui tre lati tese, mentre la griglia avrà una maglia fitta e con il logo Alfa Romeo stilizzato. 

Sarà un anteriore sul quale il cofano si aprirà incernierato nella parte avanzata del muso, non davanti ai montanti A. Il tre quarti anteriore anticipa un volume decisamente appiattito e differente nel raccordo verso il montante.

In coda, l'attesa è per la proposta di una coda tronca, un particolare che andrà a richiamare direttamente la Giulia TZ portata all'esordio da Alfa Romeo e Autodelta nel 1963 al Tour de Corse e, successivamente, vittoriosa alla Coppa FISA Monza. 

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi

Auto, copertina del meseAuto, copertina del meseAuto, copertina del mese