Toyota Prius 2023 PHEV, la migliore di sempre è solo “alla spina”

La segmento C si rinnova completamente per design, tecnica ed efficienza. In Europa (per ora) è solo plug-in da 223 cv, con quasi 70 km di autonomia a zero emissioni

di Gianluca Guglielmotti

7 giorni fa

Prova su strada: motore ibrido, guida, batteria, ricarica

Alla guida la nuova Prius PHEV è una sorpresa. La best seller Toyota, infatti, offre prestazioni impensabili fino a pochi anni fa per una vettura dalla connotazione tutt’altro che sportiva. Merito, innanzitutto, del powertrain ibrido dai propulsori aggiornati: l’endotermico, un quattro cilindri da 1.987 cc, 152 cv e 190 Nm, è più potente, silenzioso e con efficienza termica migliorata; in combinazione con l’elettromotore anteriore da 163 cv la potenza complessiva arriva a ben 223 cv (164 kW), un valore che consente alla segmento C di scattare da 0 a 100 km/h in 6,7 secondi.

Toyota Prius, tutte le generazioni dell'ibrida giapponese

Toyota Prius, tutte le generazioni dell'ibrida giapponese

Modello iconico e capace di vendere milioni di unità nel corso dei suoi 25 anni di carriera, la Prius è giunta alla sua quinta generazione: ripercorriamone la carriera sin dagli inizi

Guarda la gallery

Il tutto producendo soltanto 19 grammi di CO2 per km (dato ancora in fase di omologazione). Veramente notevole, così come la dinamica di guida: l’assetto bilanciatissimo, complici anche la posizione dell’accumulatore, che contribuisce all’abbassamento del baricentro, e i cerchi da 19 pollici (17 di serie) garantiscono la perfetta combinazione tra comfort di marcia e contenimento dei trasferimenti di carico. Inoltre, lo sterzo preciso e piuttosto diretto rende la guida divertente e intuitiva. Ottimi anche comparto Adas Toyota Safety Sense 3.0, completissimo, e insonorizzazione, con fruscii e rumore del propulsore benzina diminuiti: solo affondando il piede sul pedale dell’acceleratore si avverte (seppur in maniera ridotta rispetto ai modelli precedenti) il cosiddetto “effetto scooterone” della trasmissione a variazione continua E-CVT.

A livello di visibilità bisogna fare i conti con montanti anteriori spessi e molto inclinati; quella posteriore, invece, è buona nonostante il lunotto sottile. Il sistema di telecamere a 360° (optional), poi, agevola notevolmente le manovre di parcheggio. Entrando nel dettaglio, l’architettura ibrida consente una percorrenza a zero emissioni fino a 70 chilometri grazie alla nuova batteria agli ioni di litio da 13,6 kWh (circa 10,5 kWh netti): una capacità superiore del 50% rispetto al modello uscente. Questa supporta ricarica AC a 3,5 kW, che permette di fare il “pieno” di energia in circa 4 ore, ma può contare anche sul pannello fotovoltaico al tetto. La soluzione opzionale, che abbiamo avuto modo di provare sull’esemplare del test, permette di recuperare fino a 7 km al giorno lasciando l’auto parcheggiata sotto la luce solare.

Concludiamo parlando di consumi. Nel nostro percorso misto sulle coste della Grecia, affrontando tratti urbani ed extraurbani, i dati riportati dal computer di bordo hanno superato le aspettative: 18 kWh/ 100 km per quanto riguarda la parte elettrica, solo 4 l / 100 km per quella termica. Valori decisamente positivi, considerando anche la massa complessiva di circa 2 tonnellate, coadiuvati anche dalla gestione automatica della marcia in modalità Auto EV/HV. Trattandosi, comunque, di prova in anteprima, attendiamo di poter testare la nuova Prius in maniera più approfondita.

Prezzi, allestimenti, data di lancio

Pochi i dati rivelati dalla Casa madre. In arrivo nella primavera del 2023, il prezzo della nuova Toyota Prius non è stato ancora annunciato. Considerando quello dell’attuale PHEV, 43.700 euro di partenza, possiamo ipotizzare una cifra d’attacco superiore ai 45.000 euro.

Leggi anche: Toyota Aygo X, la prova su strada

Indietro

2 di 2

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi