Alfa Romeo 164, restomod in carbonio e con i cerchi della 156 GTA

Alfa Romeo 164, restomod in carbonio e con i cerchi della 156 GTA

Autrice del lavoro di restauro, l'officina torinese BTS Creativity: questa nuova versione dell'ammiraglia del Biscione spinta dal V6 è un modello one-off

di Redazione

10 gennaio

Disegnata da Pininfarina, ed erede di modelli storici come l'Alfetta, la 164 di Alfa Romeo rimane una delle berline più famose della gamma del Biscione, prima ammiraglia di Arese a essere dotata della trazione anteriore. Sul mercato dal 1987 al 1998, le cilindrate partivano dai "duemila" Twin Spark, il suo allestimento più diffuso (una di colore rosso fu l'ultima auto di Enzo Ferrari) fino ai "tremila" della versione Q4 da 232 cavalli, anche se furono disponibili la variante con il V6 a benzina turbocompresso e la TD, che al lancio (1992) divenne l'auto a Diesel più veloce al mondo (oltre 200 km/h). Insomma, una youngtimer apprezzata e ricordata per sempre. Ed è la sua versione Q.V., Quadrifoglio Verde (1990-1992), ad essere stata oggetto di un restomod da parte di BTS Creativity, officina con sede a Rosta, nella zona di Torino.

Specializzata in pneumatici, BTS Creativity ha realizzato il suo restomod per un modello unico con funzione quasi da show car, per dimostrare infatti tutto quello che l'azienda potrà essere in grado di fare per i futuri clienti. La base, come accennato, è una 164 Q.V. che a quanto pare è stata trovata abbandonata in un fienile.

Alfa Romeo 164, il restomod di BTS Creativity

Alfa Romeo 164, il restomod di BTS Creativity

L'officina con sede nel torinese ha restaurato un esemplare della celebre ammiraglia anni '80-'90 in assetto Quadrifoglio Verde: la carrozzeria è in fibra di carbonio, i cerchi hanno un design ispirato a quelli della 156 GTA, il raffinato abitacolo sfoggia Alcantara e legno, mentre la spinta è affidata a un V6 Busso con cambio manuale a 5 marce. Si tratta di un modello one-off

Guarda la gallery

ESTERNI: CARBONIO E CERCHI COME LA 156 GTA

Partendo dagli esterni, la 164 mostra la carrozzeria originale della Quadrifoglio Verde ma rifatta interamente in fibra di carbonio, con verniciatura classica color Rosso Competizione. Fiore all'occhiello, data la natura di BTS, i cerchi in lega forgiati su misura da 18" con design ispirato a quelli della 156 GTA. I fari con tonalità più dark, i fendinebbia in giallo e il logo Alfa Romeo in fibra di carbonio completano il quadro estetico.

Alfa Romeo 156 GTA: la supersportiva nascosta nella berlina

ABITACOLO IN LEGNO E ALCANTARA

Dentro l'abitacolo, BTS ha aggiornato i sedili sportivi rendendoli più anatomici e rivestendoli in pelle Alcantara. Quest'ultimo materiale riveste anche il quadro strumenti, il lato sinistro della console centrale. Gli specialisti dell'azienda La Selleria ha invece lavorato sulle portiere e sul volante adornato in elegantissimo legno.

SOSPENSIONI, FRENI E V6

La sospensione a controllo elettronico, di serie sulla 164 Q.V. anni '90, è stata sostituita da un kit di sospensioni ribassate realizzato su misura. Completamente inediti invece i freni di origine Quadrifoglio con grandi dischi ventilati e le pinze Brembo verniciate di rosso con le grafiche Alfa Romeo. Purtroppo per BTS non è stato possibile utilizzare il V6 originale, un 12 valvole 3 L da 200 cv e 274 Nm di coppia, rimpiazzato dal V6 TB all'epoca più economico del motore Busso a 12v. Il cambio è ovviamente manuale, a 5 marce.

BTS Creativity non ha rivelato il prezzo della 164, né in realtà se sia effettivamente in vendita. Di certo, comunque, avrebbe un costo elevato, data la natura del restauro e i tanti lavori effettuati.

Totem GT Super, il restomod dell'Alfa Romeo Giulia con il V6 della Quadrifoglio

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi