Mercedes-AMG C 43, prestazioni istantanee con il turbo elettrico

Mercedes-AMG C 43, prestazioni istantanee con il turbo elettrico

Il motore 2 litri beneficia dell'attuatore elettrico sul turbo, in un sistema mild hybrid. Le prestazioni e il funzionamento su Classe C AMG 43 4Matic

27 aprile

Non è una novità assoluta, essendo stata anticipata da AMG SL 2.0, tuttavia, è destinata ad avere maggior rilevanza per i volumi di vendita potenzialmente coinvolti. Il turbo elettrico arriva su Mercedes-AMG C 43 4Matic, declinata nella variante berlina e station wagon.

In comune hanno la tecnologia del motore 2 litri mild hybrid benzina, che poi è il tratto distintivo del modello AMG "d'accesso".

Mercedes-AMG C 43 4Matic

Mercedes-AMG C 43 4Matic

Classe C introduce il turbo elettrico sulla berlina e station wagon. E' la sportività C 43 AMG a lanciare una soluzione tecnica ispirata alla Formula 1 e il turbo con MGU-H. Tra i vantaggi del turbo elettrico, la risposta istantanea del motore e della spinta prodotta dal turbo

Guarda la gallery

Le prestazioni di Mercedes AMG C 43

Arriverà la proposta più sportiva, la C 63 AMG, con motore 2.0 e sistema ibrido plug-in, per potenze in gioco ben superiori ai 408 cavalli e 500 Nm di questa "43". Ecco perché vale definirla la AMG Classe C di "ingresso". Poi scorri la scheda tecnica e leggi di prestazioni apprezzabilissime, dei 250 orari di velocità massima (265 km/h a richiesta), del tempo sullo 0-100 km/h di 4"6, e assume tutto un altro significato ragionare per ordini di grandezze con il marchio AMG.

Motore, come funziona il turbo elettrico

La novità centrale è nella soluzione di turbo elettrico. Si caratterizza per l'implementazione di un attuatore elettrico, un motorino lungo appena 4 centimetri, integrato sull'alberino di collegamento tra la girante della turbina e quella del compressore.

Sono due elementi del turbocompressore a gas di scarico i cui regimi di rotazione sono direttamente collegati. Rotazione che è funzione della massa d'aria e velocità dei flussi nei condotti di scarico: tanto più elevati e veloci sono i flussi, tanto più effettiva è l'attivazione della turbina e, di conseguenza, la compressione dell'aria fresca prodotta lato compressore.

L'utilizzo di un motorino elettrico, controllato da una centralina dedicata, permette di mantenere nel corretto regime di rotazione il turbocompressore. Un'unità in grado di operare fino a 175 mila giri/min, non risentirà delle fasi di rilascio del gas, di frenata, di partenza da fermo nel produrre l'ottimale sovralimentazione. Il motore elettrico supplisce dove la velocità dei gas di scarico non sarebbe sufficiente ad attivare la turbina a regimi ideali.

C'è un altro vantaggio potenziale, dovuto alla presenza del turbo elettrico: poter dimensionare il turbo con diametri superiori, a vantaggio di maggior potenza, non dovendosi preoccupare di limitare il turbolag (grazie all'attuatore elettrico che produce una risposta istantanea).

Il motore 2 litri così configurato, unità M139 L (installata longitudinalmente), eroga 408 cavalli a 6.750 giri/min e il dato di coppia massima  è insolitamente alto per un turbo benzina, visti i 5.000 giri/min ai quali sviluppa 500 Nm.

Mild hybrid 48 volt per aiutare i consumi

Quanto all'efficienza del progetto AMG C 43, i consumi si attestano sugli 8,7 litri/100 km e il supporto del mild hybrid a 48 volt si esprime con lo starter-generatore a cinghia.

Apporta 14 cavalli supplementari al turbo benzina 2.0, oltre a recuperare energia nelle fasi di frenata e ampliare le fasi di veleggiamento a motore spento. Lo stesso turbo elettrico opera a 48 volt e, l'insieme di elettronica di potenza, turbo e motorino elettrico sono raffreddati dall'impianto che controlla le temperature del propulsore.

Specifico del motore 2 litri è, poi, l'impiego di due pompe dell'acqua per gestire le esigenze termiche della testata e del basamento. Lavorano a temperature differenti e la pompa dell'acqua di raffreddamento del basamento è a controllo elettronico.

Trazione 4Matic, più coppia al posteriore

Mercedes-AMG C 43 4Matic va sul mercato con trazione 4Matic e ripartizione 39:61 della coppia tra i due assi. Di serie, tra gli altri, è presente l'assetto con sospensioni adattive, l'asse posteriore sterzante e un cambio AMG MCT 9G dove al convertitore di coppia dell'automatico si sostituisce una frizione in bagno d'olio, di innesto-separazione della linea di trazione dal motore.

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi