Tavares: "Fiducia ai Marchi italiani, Alfa Romeo esempio per Stellantis"

Tavares: "Fiducia ai Marchi  italiani, Alfa Romeo esempio per Stellantis"

Il CEO del Gruppo: "Dieci anni per arrivare agli obiettivi, Alfa ci fa già guadagnare"

di Francesco Forni

2 maggio

Pensa positivo Carlos Tavares riguardo i Marchi italiani di Stellantis e Alfa Romeo in particolare. Presente alle prove stampa di Tonale, il Ceo del Gruppo ha confermato fiducia alla Case provenienti dalla galassia FCA, ovvero Abarth, Alfa, Fiat, Lancia e Maserati.

Queste le sue parole  Tutti i nostri Marchi, compresi quelli italiani, avranno una possibilità. Vale per Abarth, Alfa Romeo, Fiat , avranno una finestra temporale di 10 anni. Finanziamenti in base alla strategia per il Gruppo. Credo che tutti siano in grado di ottenere utili, a patto che si lavori con rigore. Le Case italiane in questi anni non sono state nutrite, sto cercando di dare loro la chance di esprimere il potenziale di avere un futuro. Sono entusiasta dei Marchi italiani, andremo avanti”.

Il Biscione in questo caso mostra la strada.  L’esempio del Biscione è rappresentativo. Adesso, grazie al lavoro di Jean-Philippe Imparato è in utile, con margini sani. Alfa Romeo è la stella polare da seguire, ispira tutta Stellantis”.

Alfa fuori dal tunnel

Il passo nella nuova era è rappresentato da Tonale, che arriverà sul mercato nel 4 giugno, nella versione elettrificata da 130 cavalli. A Pomigliano d’Arco la produzione è cresciuta da 125 a 250 esemplari la settimana. Tavares ha esibito grande fiducia.

Alfa Romeo coniuga passione e rigore, con dei risultati. Sta costruendo il suo futuro grazie all’esperienza passata. In un anno dopo il passaggio in Stellantis, pur senza lanciare modelli siamo passati dal passivo all’utile. Lavorando meglio. Questa è la base per avviare un future basato su nuove tecnologie. Saremo molto focalizzati sulla qualità: Alfa ora ha margini da Marchio premium. E’ in grado di guadagnare denaro”.

Cerchi un'Alfa Romeo usata? Consulta qui il listino

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi