Un incentivo di 2000 euro per la rottamazione delle auto inquinanti fino alla classe Euro 4. E' quanto prevede uno dei 14 articoli del Decreto Clima che, a breve, dovrebbe essere sottoposto all'esame del Consiglio dei Ministri. Il provvedimento è destinato ai cittadini che risiedono in città metropolitane o in zone sottoposte a procedure di infrazione ambientale comunitaria. Tra queste rientrano Roma, Milano, Torino ma anche altre realtà urbane di minori dimensioni come Genova, Catania e Campobasso.

Ecobonus auto elettriche e ibride, proroga fino al 20 novembre

Incentivo rottamazione, come può essere utilizzato

Il bonus rottamazione auto, stando alla bozza del decreto in approvazione , potrà essere utilizzato da chi ne usufruisce come credito di imposta per l'acquisto, nei cinque anni successivi all'erogazione, di abbonamenti per il trasporto pubblico locale o l'utilizzo di servizi di car sharing con veicoli ibridi, elettrici a zero emissioni. Una proposta, dunque, differente da provvedimenti simili varati in precedenza che prevedevano l'utilizzo di incentivi e bonus per l'acquisto di un'auto elettrica.

Auto elettriche in crescita, ma sono una nicchia, l'analisi di UNRAE

Decreto Clima, fondo per gli scuolabus green

Un ulteriore articolo del Decreto Clima riguarda il settore dei trasporti, ovvero l'istituzione di un fondo da 10 milioni di euro l'anno da parte del Ministero dell'Ambiente, per l'acquisto di scuolabus green o a ridotte emissioni inquinanti. Anche in questo caso, l'incentivo sarà appannaggio di istituti scolastici delle città più inquinate o sottoposte a procedura di infrazione. Prevista, al contempo, una detrazione fiscale del 19% (o comunque non superiore a 250€) per spese di trasporto scolastico sostenute dalla famiglie che sceglieranno mezzi green.