L'elettrificazione è una strada che hanno intrapreso tutti i Costruttori auto e pare irreversibile. Ma le batterie sono la soluzione, a medio e lungo termine? Autonomia, ma soprattutto tempi di ricarica e la durata/affidabilità degli accumulatori sono interrogativi non ancora risolti.

Hyundai sviluppa l'abitacolo ovattato

Hyundai da tempo sta investendo sulle fuel cell. La propulsione ad idrogeno con le celle a combustibile presenta altri problemi (in primis la rete), ma da molti punti di vista, anche quello ecologico, è superiore alle batterie.

A conferma di questo Hyundai Nexo, il SUV fuel cell della Casa coreana, ha stabilito un record di percorrenza per le vetture con questa alimentazione. Il primato mondiale di percorrenza è stato fissato con alla guida l'aviatore francese Bertrand Piccard, in 778 chilometri. In Francia, dalla stazione di rifornimento FaHyence a Sarreguemines, vicino a Metz, al Musée de l'air et de l'espace di Le Bourget, a meno di 15 chilometri dal centro di Parigi.

Hyundai Suv Concept presenta il futuro Tucson

La tratta è stata coperta tra il 25 e il 26 novembre e Piccard bordo di Nexo ha ospitato personaggi di spicco. Ovvero: Jean Rottner, Presidente della regione del Grand Est (Francia, Granduca Henri di Lussemburgo, Michel Delpon, rappresentante del dipartimento della Dordogna e Presidente dell’Hydrogen Study Group alla National Assembly (Francia), Benoît Potier, CEO di Air Liquide (Francia), Bruno Le Maire, Ministro dell'economia e delle finanze (Francia), Elisabeth Borne, Ministro della Transizione Ecologica e della Solidarietà (Francia) e il Principe Alberto II di Monaco. Un record mondiale, ma soprattutto un tour con personalità per illustrare e confrontarsi sullo sviluppo della mobilità ad idrogeno.

Piccard stesso è presidente della Fondazione Solar Impulse, nel quale è coinvolta anche Hyundai. Seguiranno altre iniziative.