L’esordio si avvicina e, con esso, il lancio della quinta generazione dell’eDrive. BMW iX3 verrà presentato nel corso del 2020 e porterà al debutto il nuovo sistema di motore elettrico, trasmissione ed elettronica di controllo sviluppati a Monaco di Baviera.

Un insieme che si caratterizza per il compattamento degli ingombri, con gli elementi racchiusi in un’unica scatola. Dopo il suv elettrico sarà la volta di BMW i4 e di BMW iNext, nel 2021, utilizzare la medesima tecnologia.

L'architettura su iX3 prevede un singolo motogeneratore installato al posteriore, sarà un suv due ruote motrici e svilupperà 286 cavalli e 400 Nm di coppia. 

Batterie, evoluzione sulle celle

Motogeneratore alimentato da un pacco batterie agli ioni di litio, composto da celle prismatiche, evolute rispetto alla precedente generazione tanto per densità energetica che per composizione chimica.

Leggi anche: Android Auto su BMW dal 2020

BMW dichiara una riduzione del 66% del cobalto impiegato, mentre nella produzione del motogeneratore non sono necessarie materie prime rare.

Celle ospitate nei moduli, a loro volta costitutivi del pacco batterie (dalle foto spia dei muletti dovrebbe operare con una tensione appena inferiore ai 390 volt) da 74 kWh, capacità utile netta che garantirà fino a 440 km di autonomia a BMW iX3.