Tesla Cybertruck da mesi s’è preso la scena nel mondo dei pick-up, lasciando le briciole al pur interessante concorrente Rivian R1T.

All’orizzonte, prossimo, c’è un terzo incomodo. Non banale, per offerta e soprattutto per la sinergia che potrebbe muovere.

Si tratta del Nikola Badger, pick-up elettrico come i due rivali, ma a doppia opzione: a batteria o a celle a combustibile alimentate a idrogeno.

Il modello sarà presentato il 29 giugno: Nikola Motor è una start-up che lavora sui camion con fuel cell. L’applicazione è stata portata sul Badger, che dichiara una potenza di picco, per un periodo molto limitato, di 906 cavalli per la versione a idrogeno (455 standard) con una coppia di 1.328 Nm.

Questo grazie a quattro motori elettrici, uno per ruota. Un 4x4 molto particolare e velocissimo, con accelerazione da 0 a 100 km/h in 2,9 secondi, proprio come la versione più potente (a tre motori) di Tesla Cybertruck.

Il vantaggio reale del Badger Fuel Cell rispetto a quello a batteria, oltre alla velocità infinitamente superiore per fare un pieno, sta nella autonomia: 960 km contro 480 km, il doppio. Questo perché il pick-up a batteria è riconvertibile a fuel cell e gli accumulatori, a causa delle potenziale trasformazione, non sono della massima capacità potenziale.

Il Nikola Badger è atteso sul mercato per il 2022: i bozzetti ufficiali lo mostrano piuttosto classico nello stile esterno e molto essenziale, anche se hi-tech, nell’abitacolo.

La questione di Nikola Motors potrebbe diventare interessante in prospettiva perché Cnh Industrial (quindi FCA) ha da poco acquistato tramite Iveco il 7% delle quote azionare della start-up dell’Arizona. Se son rose, fioriranno. Di certo nei prossimi mesi Nikola Motors stringerà un'alleanza importante: FCA s’è già messa in fila.

Tesla Model S, prima elettrica a superare i 644 km di autonomia 

AUTOMOTIVE.LAB - Solo i curiosi scopriranno il futuro dell'auto