Il pallino è attualmente in mano ai produttori asiatici. L’Europa prova ad attrezzarsi e guadagnare una quota di indipendenza nello sviluppo e produzione di celle per le batterie destinate alle auto elettriche.

PSA/Opel e Total/Saft scendono in campo strutturando una joint venture, Automotive Cells Company, co-finanziata dalle autorità francesi e tedesche – per 1,3 miliardi di euro su un investimento complessivo di 5 miliardi – e supportata dalle istituzioni europee, che dal 2023 inizierà a produrre pacchi batterie sviluppati direttamente, sin dalle celle.

Peugeot 308, la parte del leone

Gigafactories da 48 gWh

Lo farà in due impianti, che a regime saranno Gigafactories da 48 gWh entro il 2030 – equivalenti a una produzione di 1 milione di auto elettriche l’anno (più del 10% del mercato elettrico) -, in un mercato che in prospettiva avrà richieste da 400 gWh, 15 volte i numeri attuali. L'avvio della produzione varrà, invece, 8 gWh.

La richiesta di energia prospettata andrà di pari passo con la crescita del mercato delle auto elettriche. Prospettive.

Il centro di ricerca e sviluppo di Bordeaux, il sito pilota di Nersac, sono in fase di avvio e lavoreranno sulla tecnologia agli ioni di litio, per celle che assicurino prestazioni elevate quanto a energia, autonomia, tempi di ricarica e le emissioni inquinanti dalla loro produzione.

Automotive Cells Company vedrà Ghislain Lescuyer presidente del CdA, Yann Vincent direttore generale.

C'è il consorzio europeo

La costruzione di un consorzio europeo per la costruzione di batterie che stavamo invocando da tempo è ora una realtà. Vorrei rendere omaggio all'impegno dei team Total/Saft e PSA/Opel, che hanno reso possibile questo progetto. Questo nuovo passo è coerente con la nostra raison d'être: 'offrire ai cittadini una mobilità pulita, sicura e accessibile' e pone Groupe PSA in una posizione di vantaggio competitivo in un contesto di crescita delle vendite di veicoli elettrici. L'ACC aiuta Groupe PSA a progredire sulla strada della decarbonizzazione”, spiega Carlos Tavares, presidente del CdA del Gruppo PSA.

Da Total, il presidente patrick Pouyanné ha aggiunto:La creazione di ACC interpreta l'impegno di Total a rispondere alla sfida del cambiamento climatico e a svilupparsi come Gruppo multienergetico, un player importante nella transizione energetica, continuando a fornire ai nostri clienti energia sicura, economica e pulita. Miriamo a sfruttare le competenze riconosciute della nostra controllata SAFT che produce batterie e il know-how industriale del nostro partner PSA per rispondere alla forte crescita dei veicoli elettrici in Europa. Estendo il mio incoraggiamento ai team che entreranno a far parte di ACC per trasformare questa avventura in un vero successo tecnologico e industriale europeo."