Quando si tratta di vetture elettrificate le tipologie presenti sul mercato sono molteplici. Ridurre la classificazione ad ibride ed elettriche non fornisce l’idea esatta delle possibili scelte che un consumatore si trova potenzialmente ad affrontare durante la fase di acquisto. Il percorso verso l’elettrificazione è fatto di tanti piccoli dettagli “tecnologici”, ciascuno dei quali rimanda ad una specifica tipologia di vettura.

Mild Hybrid

MHEV: la sigla indica le auto mild hybrid. Possono essere sia a benzina che a gasolio e la presenza del motore elettrico fornisce un aiuto a quello termico, senza contribuire alla trazione.

Full Hybrid

HEV: le auto ibride o full hybrid sono vetture in cui l’accoppiata motore elettrico ed endotermico può contribuire alla trazione anche in modo separato. Solitamente l’autonomia in elettrico è di pochi chilometri (2-3) e la batteria non può essere ricaricata da fonti esterne (vedi colonnine).

Plug-in Hybrid

PHEV: i veicoli ibridi plug-in si stanno diffondendo rapidamente. A differenza di quelli full hybrid hanno una batteria maggiore, che gli permette autonomie in elettrico anche nell’ordine dei 50 km. L’accumulatore puo? essere caricato pure da fonti di energia esterne.

Elettriche

EV: la sigla identifica le automobili elettri- che, quindi alimentate dalla sola energia fornita da un pacco batterie dedicato. Le più recenti tecnologie consentono autonomie nell’ordine di 400-500 km.

Il resto del servizio lo potete leggere sullo speciale in edicola, oppure nella sua versione digitale cliccando qui.