Prosegue lo sviluppo dell’ammiraglia elettrica di Volkswagen. Il progetto ha preso il nome di Trinity, certamente ambizioso. Resta parallelo a quello di Audi, Artemis, ma su un piano diverso.

Ralf Brandstätter, il numero uno del Marchio di Wolfsburg, ha raccontato a Automobilwoche, alcuni dettagli della nuova vettura, attesa per il 2025.

La piattaforma non sarà la PPE, utilizzata da Porsche, Audi e Bentley. L’ammiraglia, grande berlina se preferite, Trinity avrà un bivio pianale, probabilmente una evoluzione della piattaforma MEB, base di tutte le elettriche medie e compatte del Gruppo.

Self Drive: un grosso passo avanti su Trinity

La novità tecnologica sarà rappresentata, parole di Brandstätter, dalla presenza della guida assistita di livello 4 su una vettura relativamente abbordabile.

Trinity proporrà, a sostegno di questa tecnologia avanzata, un sistema operativo più avanzato rispetto agli altri modelli del Marchio. Proprio per questo motivo potrebbe essere “esterna” alla gamma ID.

ID.3 finalista a Car of the Year 2021