BMW i4 completa il salto della Casa bavarese nel mondo elettrico. Arriva la berlina sportiva a quattro porte, uno dei simboli della Bayerische Motoren Werke, a batterie.

Sarà sul mercato da novembre, con prezzi ancora da definire, ma con numeri ufficiali. Esordirà con due versioni. La i4 eDrive40 a trazione posteriore e la i4 M50 a trazione integrale. Lunga 4,78 metri, 7 cm in più di Serie 3, nello stile ricorda Serie 4 e dovrebbe avvicinarsi molto alla prossima Serie 4 Gran Coupé.

Scheda tecnica e caratteristiche

Mostra con orgoglio il nuovo grande doppio rene “verticale” che domina il frontale, chiuso dove sono alloggiati i sensori per la guida assistita. Il profilo è molto fluido, votato alla aerodinamica, necessaria  per ottenere una migliore efficienza (Cx di 0,24). Presenti accorgimenti  l’Active Air Flap Control che sul frontale si regola automaticamente, con dieci posizioni disponibili: la Casa afferma che arriva incrementare di 10 km l’autonomia.

L’abitabilità interna è garantita da un passo di 2,85 metri. Nuova i4 pesa da 2050 kg (eDrive40) a 2.215 kg (M50), con una distribuzione delle masse che è del 45% all’anteriore e del 55% al posteriore per la trazione posteriore e del 48% e 52% per la integrale, che goda di un miglior bilanciamento.

La batteria ha 83,9 kWh di capacità, con una densità superiore del 20% rispetto a i3, e uno spessore di 11 centimetri: permette ad abbassare il baricentro di ben 5,3 centimetri rispetto a Serie 3. Gli accumulatori sono

garantiti  8 anni o 160.000 km e predisposti per la ricarica veloce sino a 200 kW, per una ricarica veloce di circa 150 km (164 km su eDrive40 e 140 km su M50) in 10 minuti. E’ presente la pompa di calore, per garantire una superiore efficienza. 

I due modelli

BMW i4 eDrive40 a trazione posteriore ha un motore ESM (excited synchronous motor) che eroga 340 cavalli di potenza e 590 km di autonomia, con una coppia di 430 Nm e una accelerazione da 0 a 100 km in 5,7 secondi:  la velocità massima è di 190 km/hl, auto-limitata.

La top di gamma i4 M50 dispone ha due propulsori elettrici, uno all’anteriore da 258 cavalli e un al posteriore di 313 cavalli, per una potenza di sistema di 544 cavalli. La coppia può arrivare, per 10 secondi, a 795 Nm. Così l’accelerazione da 0 a 100 km/h è pari a quella di M3 e M4: 3,9 secondi. La velocità massima è di 225 km/h e l’autonomia di 510 chilometri.

Non solo potenza: BMW afferma che tra costi di esercizio e manutenzione i4 permette un risparmio del 30% rispetto alle pari-classe con motore endotermico.

La Casa di Monaco di Baviera offre richiesta il suono digitale che accompagna la marcia: BMW IconicSounds Electric realizzato dal compositore, premio Oscar, Hans Zimmer.

Le differenze non sono solo prestazionali: più votata al comfort i4 eDrive40 con di serie ammortizzatori ad aria posteriori e i cerchi da 17 con pneumatici 225/45. M50 offre l’a assetto a controllo elettronico Adaptive M con sospensioni anteriori potenziate, freni M Sport e cerchi da 18 con pneumatici differenziati 245/45 (ant.) e 255/45 (post.) per una maggiore precisione di guida.

Gli interni presentano il climatizzatore tri-zona e un grande display curvo che ospita la strumentazione da 12,3 e l’ infotainment da 14,9(come su BMW iX) e dispone del sistema 8.0 di gestione, dotato anche di aggiornamenti via etere (OTA). Attingendo alla ampia disponibilità di accessori sono disponibili tutti i sistemi di assistenza alla guida di secondo livello avanzato.

Anticipazione di BMW M2