I monopattini elettrici costituiscono un'efficace alternativa ad automobili e motocicli nei brevi percorsi urbani. Tuttavia, spesso vengono usati in maniera impropria e non osservando le norme del Codice della Strada. In altri casi, invece, situazioni di pericolo vengono create da conducenti poco esperti, che ancora non hanno familiarità con tali mezzi e con le reazioni che possono avere. Per questi ultimi Helbiz, una delle più grandi società di sharing di micromobilità, ha lanciato un'iniziativa per mettere nelle condizioni di imparare in sicurezza chiunque si approcci per la prima volta a questi mezzi. Prestazioni limitate e supporto digitale al centro della nuova modalità d'uso, denominata Principiante.

Lancia Ypsilon e-scooter, il monopattino elettrico chic

Prestazioni limitate per i monopattini Helbiz

La sicurezza è al centro delle iniziative di Helbiz, che ha attivato un programma di educazione civica stradale nel settore in cui è leader, quello della micromobilità. In questo ambito si inserisce la nuova modalità Principiante, sviluppata per gli utenti che si approcciano per la prima volta ai monopattini elettrici. Secondo uno studio della Austin Public Health, realizzato in collaborazione con il Dipartimento dei Trasporti di Austin, il 30% degli incidenti con questo tipo di veicoli avviene proprio durante la prima corsa, e il 63% negli utilizzi immediatamente successivi.

Dati che hanno spinto Helbiz a dare vita a questa iniziativa rivolta ai conducenti inesperti. In tale modalità d'uso, infatti, le prestazioni sono limitate, ed è disponibile un servizio di assistenza digitale che affianca l'utente nella fase di posteggio del mezzo. Le limitazioni prevedono una velocità massima di 15 km/h e un acceleratore meno reattivo. Inoltre, tramite la geolocalizzazione e foto inviate dall'utente, un addetto della società di sharing verificherà che il monopattino sia stato parcheggiato correttamente, dando eventualmente consigli e indicazioni.

La modalità “principiante” verrà adottata automaticamente su tutti i veicoli di Helbiz, e potrà essere disattivata manualmente dai conducenti. Tranne da quelli nuovi, che dovranno mantenere le limitazioni per le loro prime tre corse. In questo lasso di tempo, i conducenti avranno quindi modo di familiarizzare con i monopattini prima di poter disporre di tutte le prestazioni che tali veicoli sono in grado di esprimere. Questa iniziativa è rivolta soprattutto ai giovanissimi, dopo la riapertura delle scuole, e si collega con la campagna nazionale di educazione civica stradale dedicata alla micromobilità.

Incidente tra auto e monopattino: chi deve pagare i danni?