Stellantis e TheF Charging insieme per una rete di ricarica pubblica

Stellantis e TheF Charging insieme per una rete di ricarica pubblica

La collaborazione andrà a installare in 15 mila punti strategici - in accordo con i proprietari delle streutture - un totale di oltre 2 milioni di posti auto ricaricabili in tutta Europa. Sarà una rete accessibile a tutti, condizioni privilegiate per i clienti Stellantis

19 ottobre

A integrare il progetto Atlante, di realizzazione della più grande infrastruttura di ricarica nel sud Europa, ecco l'accordo raggiunto tra Stellantis e TheF Charging, per una rete di punti di ricarica sparsa in tutta Europa, pubblica. 

La collaborazione si svilupperà tra 2021 e 2025, i primi punti di ricarica in Italia verranno inaugurati già quest'anno - saranno prevalentemente postazioni rapide - e andranno a totalizzare, negli obiettivi descritti, oltre 2 milioni di posti auto in 15 mila sedi in tutto il Continente.

La stazione di ricarica in punti nevralgici

Quali saranno le sedi, già identificate? L'idea è di realizzare una rete di ricarica in snodi di rilievo, che siano strutture in centro città, punti di servizi essenziali quali ospedali e scuole, strutture nel settore dei trasporti - presso stazioni, aeroporti, porti -, fino a comprendere anche il settore della grande distribuzione organizzata e le strutture rivolte al tempo libero. Sono 1.000 i titolari di proprietà di questo tipo individuati da Stellantis e TheF Charging, con i quali si porterà avanti un confronto per offrire le soluzioni migliori di ricarica e procedere con l'installazione nei prossimi anni.

Leggi anche: Diesel, con la penalizzazione fiscale può arrivare la mazzata 

Sarà una rete di ricarica pubblica, accessibile da tutti i proprietari di un veicolo elettrico, tuttavia, verranno previste delle condizioni vantaggiose per i clienti di uno dei marchi del Gruppo Stellantis. 

In prospettiva si punta al salto di qualità di una rete di ricarica che fornisca energia pulita, a zero emissioni carboniose.

Dalla colonnina valore aggiunto

“Stellantis sta lavorando alla creazione di collaborazioni strategiche per favorire la diffusione della e-mobility, sfruttando non solo le competenze interne ma anche le specializzazioni dei partner, per accelerare l’introduzione sul mercato di nuove tecnologie al passo con i tempi” commenta Anne-Lise Richard, responsabile della Business Unit e-Mobility Global di Stellantis.  “La partnership tra Stellantis e TheF Charging si inserisce in questo contesto con un chiaro obiettivo: garantire la presenza di colonnine in località strategiche europee ed offrire la migliore esperienza di ricarica possibile nel tempo”.

Leggi anche: Incentivi auto usate, cinque affari per tutte le motorizzazioni

 “La partnership con Stellantis dà ulteriore impulso alla realizzazione del nostro network di ricarica in Europa” spiega Federico Fea, amministratore delegato di TheF Charging. “Questa collaborazione tecnologica e commerciale permetterà, infatti, di generare benefici lungo l’intera catena del valore: dai nostri clienti, siano essi guidatori di un veicolo Stellantis o meno, che potranno usufruire di servizi innovativi ed in linea con le specifiche esigenze del singolo, ai proprietari delle location che ospiteranno il nostro network, i quali potranno contare su una maggiore affluenza di clientela ad alto valore aggiunto e su un rapporto di partenariato d’eccellenza, basato su trasparenza, personalizzazione dei servizi e collaborazione”.

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi