Car of the YearOrganizzatore italiano del premio
The Car of the Year

Atlante, 700 punti di ricarica rapida in Europa per la rete di Stellantis

Atlante, 700 punti di ricarica rapida in Europa per la rete di Stellantis

Prevede l’installazione in Italia, Francia, Spagna e Portogallo, di 5.000 punti di ricarica rapida entro il 2025 e fissa l'obiettivo per il 2030 ad oltre 35.000.

di Francesco Forni

18 novembre

Atlante, la rete di ricarica rapida di Stellantis, sta prendendo forma con la creazione della più ampia struttura del Sud Europa. Che sarà anche la prima integrata al 100% con la rete elettrica (Vehicle-Grid-Integrated, VGI), alimentata da energia da fonti rinnovabili e supportata da sistemi di accumulo.

E' iniziato il piano di sviluppom che ha visto l’inaugurazione a metà ottobre della prima stazione di ricarica rapida in Piemonte, e l’individuazione dei primi 700 siti destinati al progetto, il 10% dei quali (principalmente in Italia) è già in fase di sviluppo e verrà reso operativo entro i prossimi sei mesi.

Le parole di Roberto Di Stefano, amministratore delegato di Free2Move eSolutions

"Il progetto Atlante e le installazioni di ricarica fast nell’Europa Meridionale sono il passo necessario per permettere alla mobilità elettrica di svilupparsi e consentire spostamenti ad ampio raggio senza essere costretti a lunghe attese per ricaricare prima di riprendere il viaggio. Si tratta di un’opportunità unica di crescita e sviluppo, in quanto praticamente tutta la rete di ricarica rapida “on-the-go” deve ancora essere sviluppata".

La potenza delle stazioni di ricarica Atlante varierà da un minimo di 100 kW ad un massimo di 175 kW. Prevede l’installazione in Italia, Francia, Spagna e Portogallo, di 5.000 punti di ricarica rapida entro il 2025 e fissa l'obiettivo per il 2030 ad oltre 35.000. Le stazioni di ricarica verranno installate principalmente in prossimità dei più importanti nodi stradali e in aree urbane densamente popolate.

Leggi anche: Maserati Grecale, la prova in anteprima

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi