L'acquisto di una vettura elettrica oppure ibrida plug-in, dovrebbe prevedere un secondo passaggio fondamentale per poter godere appieno di tutto il suo potenziale a zero emissioni: l’installazione presso la propria abitazione di una wallbox.

Guidare elettrificato, lo speciale

Sottolineiamo nuovamente installazione, perché spesso questo dispositivo può essere “integrato” gratuitamente in casa propria. Incentivi e offerte da parte delle Case auto non mancano, anzi prosperano quasi quotidianamente. Ma se aveste dei dubbi circa il funzionamento di una wallbox, vi basta sapere che è ancora più semplice che ricaricare da una colonnina.

Sono studiate in modo tale che il cavo di ricarica è integrato alla stessa wallbox (e quindi non dovete adoperare quello presente in vettura). Una volta spenta l’auto e innestato il cavo, l’erogazione dell’energia parte in automatico. E, come avviene con le colonnine, una spia nei pressi dell’imboccatura sarà il segnale che l’operazione è in pieno svolgimento.

Sì, ma quanto ci vuole? Ovviamente i tempi di ricarica dipendono sia dal vostro impianto elettrico che dal tipo di wallbox di cui disponete o disporrete. In ogni caso, come abbiamo sottolineato in precedenza, sul quadro dell’auto nell’infografica di ricarica è presente pure il tempo rimanente. Se poi vi dotate dell’app per smartphone relativa al vostro modello - in fase di registrazione vi verranno richiesti i vostri dati e il numero di telaio della vettura - allora potrete monitorare anche da remoto (vedi telefonino) il tempo residuo.

La ricarica casalinga

Wallbox: infrastruttura di ricarica che può essere collocata presso il proprio garage, abitazione o posto auto.


Potenze: il mercato offre una serie di so- luzioni piuttosto vasta. Si parte da potenze intorno ai 2,2 o 3 kW, ma si può arrivare sino aquota11o22kW.


Vantaggi: chiunque può installare una wallbox presso la propria abitazione. Certo è più semplice per chi vive in una casa indi- pendente piuttosto che in un appartamento in condominio; in questo caso, bisogna comu- nicarlo all’amministratore ed eventualmente chiedere l’autorizzazione al condominio per l’allacciamento con relativo contatore.


Incentivi: si può richiedere una detrazione del 50% delle spese sostenute, recuperabile in 10 quote annuali. Mentre nel recente De- creto Rilancio è stata introdotta la possibilità di detrazione del 110%, però vincolata ad una serie di lavori di ristrutturazione.


Prezzi: si va da poche centinaia di euro a diverse migliaia. La maggior parte delle Case auto offre dei pacchetti di acquisto che prevedono pure l’installazione della wallbox.


Il resto del servizio è sullo speciale Guidare Elettrificato in edicola, oppure cliccando qui per la versione digitale