Stellantis e A35 testano con successo la ricarica a induzione

Il DWPT è un sistema innovativo costituito da bobine sistemate sotto l’asfalto che trasferiscono energia direttamente ad auto, camion e autobus

di Francesco Forni

13 giugno

Ricarica a induzione in movimento, passi in avanti. Presso il circuito “Arena del Futuro” a Chiari, Italia, Stellantis, insieme agli altri partner del progetto, trai quali A35 Brebemi, ha dimostrato , come la tecnologia Dynamic Wireless Power Transfer (DWPT) sia in grado di ricaricare i veicoli elettrici (EV) mentre percorrono corsie stradali dedicate attrezzate.

Come funziona 

Il DWPT è un sistema costituito da bobine sistemate sotto l’asfalto che trasferiscono energia direttamente ad auto, camion e autobus senza necessità di fermarsi alle apposite stazioni per ricaricare la batteria. La tecnologia può essere adattata a tutti i veicoli dotati di uno speciale “ricevitore” in grado di trasferire l’energia proveniente dall’infrastruttura stradale direttamente al motore elettrico, estendendo l’autonomia e salvaguardando la carica della batteria del veicolo.

Le parole Anne-Lise Richard, Head of Global e-Mobility Business Unit di Stellantis 

“Il nostro piano strategico di lungo periodo, Dare Forward 2030, si basa sulla premessa di offrire una ‘libertà di mobilità all’avanguardia’ per tutti e questo progetto rappresenta la quintessenza di dove vogliamo arrivare come azienda Lavorando con questo straordinario gruppo di partner, abbiamo dimostrato che la tecnologia di ricarica induttiva può alimentare il nostro futuro elettrificato. Questi progetti congiunti sono passi in avanti entusiasmanti nel percorso verso l’allungamento della vita utile della batteria, una minore ansia da autonomia, una maggiore efficienza energetica, una riduzione delle dimensioni delle batterie, prestazioni eccezionali e una riduzione di peso e costi.”

Il progetto “Arena del Futuro” dimostra che un veicolo BEV, come Fiat Nuova 500, equipaggiata per mettere alla prova il sistema, può viaggiare a velocità elevate senza consumare l’energia accumulata nella batteria. I test dimostrano che l’efficienza del flusso di energia proveniente dall’asfalto e diretto alla vettura è paragonabile all’efficienza tipica delle stazioni di ricarica rapida. In questo modo non è necessario fermarsi per effettuare la ricarica. Inoltre, le rilevazioni relative all’intensità del campo magnetico dimostrano l’assenza di qualsiasi effetto sul guidatore, sui passeggeri e sui pedoni.

Anche il Tridente

La presenza di un esemplare di Grecale Folgore in occasione dell’evento ha annunciato il prossimo coinvolgimento di Maserati nel progetto.  

I vantaggi del circuito “Arena del Futuro”, alimentato a corrente continua (CC)Riduzione delle perdite di potenza nel processo di distribuzione dell’energia elettrica

  • Garantire un’integrazione diretta con fonti di energia rinnovabili senza necessità di conversione da CC a CA;
  • Possibilità di usare cavi più sottili di quelli per la distribuzione della corrente alternata con vantaggi evidenti in termini di imballo, peso e inquinamento armonico;
  • Utilizzo di cavi per la distribuzione della corrente in alluminio, un materiale più facile da reperire, a costi ridotti della metà rispetto al rame, più leggero e facile da riciclare in un modello di economia circolare.

Leggi anche: sul nuovo numero di Auto in edicola: Porsche 911, la madre delle Carrera 

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi