La guida autonoma è il leitmotiv del mondo automobilistico. Tutte le maggiori Case automobilistiche stanno sviluppando progetti al riguardo e si susseguono le comunicazioni sui progressi tecnologici che entro al fine del decennio porteranno le prime auto che guidano da sole a percorrere le nostre strade.

Volvo, da tempo impegnata nel self autonomous drive (la nostra prova), annuncia un importante accordo con Uber, il leader globale del ride-sharing. La partnership prevede la fornitura da parte del marchio svedese di una flotta di veicoli test (realizzati sulla base della sport utility XC90) a guida autonoma che verrà poi affidato a Uber che implementerà l’auto con la propria tecnologia per fornire, in un futuro non lontano, auto a guida autonoma ai propri clienti andando a far concorrenza a Google in un campo considerato strategico da Mountain View. Le due società investiranno nel progetto un totale di 300 milioni di dollari e le prime vetture saranno attive già entro la fine del mese a Pittsburgh, negli USA

Håkan Samuelsson, presidente Volvo, ha dichiarato: “Siamo un dei marchi più all’avanguardia al mondo e siamo tra i leader nello sviluppo della sicurezza attiva e tecnologia e nella guida autonoma. Siamo molto orgogliosi di essere stati scelti da Uber per questa partnership: questa alleanza posizionerà Volvo nel cuore della rivoluzione tecnologica dell’industria automotive”