Nell’industria automobilistica (quasi) nulla accade per caso. Così, a pochi giorni di distanza dalla presentazione della nuova società di Google completamente dedicata alla guida autonoma, cioè Waymo, ecco che sono pronte le tanto attese cento Chrysler Pacifica plug-in hybrid a guida autonoma sviluppate a quattro mani da FCA e Google. Le auto sono già state fotografate con i nuovissimi loghi Waymo e sono pronte per iniziare i test su strada pubblica, cosa che avverrà all’inizio del prossimo anno con un impegno congiunto dei tecnici di FCA e di quelli di Waymo. 
 
Questi si trovano a lavorare insieme i un team creato appositamente e dislocato in Michigan, dove peraltro la guida autonoma è stata recentemente liberalizzata. Le Pacifica autonome finora sono state testate all’interno del Chelsea Proving Grounds – sempre in Michigan – e nell’Arizona Proving Grounds di Yucca, oltre che nelle aree californiante abitualmente frequentate dai prototipi Google. Dal punto di vista tecnico, FCA ha spiegato che ci sono state delle modifiche anche a livello meccanico e telaistico per predisporre al meglio il veicolo alla guida autonoma.
 
 A osservare le immagini, tuttavia, le uniche differenze che si possono apprezzare rispetto alla versione di serie, riguardano le tecnologie visibili. Quella più evidente è una via di mezzo tra un baule e una sirena sul bagagliaio, mentre al posteriore c’è una specie di spoiler e, infine, una serie di “escrescenze” sul resto della carrozzeria. Tutte modifiche necessarie a ospitare una grande quantità di laser, radar, telecamere e sensori che inviano quante più informazioni possibile al computer centrale che governa l’auto.