McLaren Artura e il motore V6: i vantaggi delle bancate a 120 gradi

McLaren Artura e il motore V6: i vantaggi delle bancate a 120 gradi

L'unità progettata dai tecnici McLaren con gli specialisti Ricardo si caratterizza per la particolare apertura della V, oltre i canonici valori dei sei cilindri. Baricentro, vibrazioni e compattezza i motivi principali

18 febbraio

Tutta questione di manovelle, si potrebbe sintetizzare. Una delle peculiarità tecniche della McLaren Artura (protagonista del numero di Auto in edicola), oltre al motore elettrico a flusso assiale, è nell’architettura del motore termico V6 da 585 cavalli per 585 Nm. L’angolo tra le bancate sfoggia un insolito valore di 120 gradi, prima volta per un progetto destinato a un’auto stradale.

Non mancano gli esempi del passato ma riferiti al mondo delle corse. Un’originalità tecnica che potrebbe trovare in futuro altre applicazioni, a partire dal sei cilindri in fase di sviluppo da Aston Martin e sul quale permane un’incognita sulle sorti visto l’ampliamento della collaborazione tecnica con Mercedes.

McLaren Artura, la PHEV di Woking

McLaren Artura, la PHEV di Woking

Porta all'esordio anche la monoscocca MCLA (McLaren Carbon Lightweight Architecture)

Guarda la gallery

2 cilindri, una manovella, un'accensione ogni 120 gradi

A spiegare il perché di una scelta così insolita, una disposizione delle bancate dei cilindri a 120 gradi, è il responsabile Powertrain di McLaren Automotive, Richard Jackson. A CarThrottle presenta i vantaggi dell’apertura delle bancate, oltre un canonico 60° o 90° dei V6 stradali.

E la principale tra le ragioni interessa le manovelle dell’albero a gomiti e l’accensione di una coppia di cilindri ogni 120 gradi di rotazione dell’albero motore. Adottare una V aperta a 120 gradi è sembrata la via logica agli ingegneri in ragione della possibilità di utilizzare un albero motore più corto, a vantaggio di una maggiore resistenza e rigidità torsionale. In cambio, la possibilità di raggiungere regimi di rotazione fino a 8.500 giri/min senza sviluppare vibrazioni o rumori fastidiosi.

Turbo e collettori dentro la V

L’ingegnere spiega la necessità di installare un albero di equilibratura a bilanciare lo squilibrio delle due bancate da 3 cilindri ciascuna e i vantaggi di una V molto aperta in un’altezza totale del propulsore che è ben 93 mm inferiore al V8 4 litri usato su altre McLaren. In soldoni vuol dire abbassare il centro di gravita (160 kg di peso dal motore termico, 50 kg meno del V8 4 litri) e ottenere un compattamento dell’installazione unico, con il posizionamento dei due turbocompressori monoscroll all’interno della V e dai condotti di scarico accorciati riduce le perdite di pressione. Compattezza che è anche nei 22 centimetri di larghezza in meno ottenuti dal V6 120° contro il V8 90°.

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi