Con ambiziosi obiettivi di produzione da raggiungere e oltre 450 mila Tesla Model 3 da realizzare e consegnare, tra le notizie legate a Tesla non ci si aspetterebbe certo quella di licenziamenti tra i 33 mila lavoratori. Tagli confermati dall'azienda, che non ha però specifiato la portata. Le informazioni trapelate tra gli stessi impiegati fuoriusciti dicono di licenziamenti intorno alle 400 unità, secondo altri report la revisione delle posizioni coinvolgerebbe 700 persone, non solo nell'area vendite e in quella amministrativa, come specificato da Tesla, ma anche sulla produzione. 

«Come qualsiasi azienda, specialmente in una da oltre 33 mila dipendenti, la revisione delle prestazioni può occasionalmente risultare anche in partenze dei dipendenti. Tesla continua a crescere e assumere in tutto il mondo», sono le parole del portavoce del marchio di Elon Musk, per ridimensionare l'eco della notizia. 

Model 3, in Italia nella seconda metà del 2018

Quanto ai numeri, l'ultimo trimestre ha visto solo 260 Tesla Model 3 uscire dalla linea di montaggio, in un 2017 che dovrà centrare l'obiettivo di 100 mila veicoli prodotti, per moltiplicarsi fino al mezzo milione nel 2018. 

L'editoriale: La visione di Marchionne