Ecco Fiat 500 elettrica, la prima auto a batterie di grande serie del Marchio torinese. Il grande balzo di Fiat si completerà con l'arrivo sul mercato, fissato per il 4 luglio, in occasione del 63° anniversario dell’esordio della prima Fiat 500: un passaggio storico di testimone.

500 elettrica non perde l'inimitabile DNA di stile. Anzi, lo rbadisce. Le dimensioni restano simili, ma la piattaforma è nuova, dedicata ai modelli elettrici. 500 elettrica è lunga 3,61 metri (+ 6 centimetri), larga 1,69 (+ 6 cm) e con un passo di 2,32 metri (+2 cm).

Le batterie agli ioni di litio (poste sotto il pavimento centrale, per ottimizzare il bilanciamento dei pesi) hanno una capacità di 42 kWh: l’autonomia annunciata è di 320 km, ottima per una citycar a elettroni. Col caricatore da 85 kW, disponibile, si rimettono negli accumulatori 50 chilometri in 5 minuti. Pronta a ributtarsi nella mischia urbana, ma anche fuori porta. Secondo quanto ha dichiarato Olivier Francois, nel ciclo urbano l'autonomia può salire fino a 400 km.

La spinta è garantita dal motore elettrico che genera 118 cavalli (87 kWh). Consentendo un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 9 secondi netti. E uno 0-50 km/h urbano in 3,1 secondi. La velocità massima è limitata a 150 km/h.

Tre modalità di guida

Sono tre le modalità di guida. La prima, Normal, rende l'esperienza di guida più simile a un veicolo a combustione interna. La seconda, Range, attiva la funzione "one pedal drive" che permette di guidare la 500 modulando l'utilizzo l’acceleratore che, in rilascio, mette in atto una decelerazione molto più netta di una vettura tradizionale.

Per portare la 500 a uno stop completo serve comunque agire sul freno La terza modalità, Sherpa, è quella più votata al risparmio. Limita la velocità a 80 km/h, disattiva aria condizionata e sedili riscaldabili (comunque disponibili manualmente), rende più progressiva la risposta dell’acceleratore per permettere di arrivare alla meta o a una colonnina di rifornimento.

Infotainment, Uconnect di ultima generzione

Lo stile presenta alcune originalità senza tradire mai la storia. I fari anteriori rotondi restano. Però sono separati i tra cofano e paraurti. Sulla calandra anteriore c’è il logo 500, ben stilizzato, mentre al posteriore tornano di fari “pieni” con la scritta FIAT, che resta gradevole.

L'abitacolo è tutto inedito. Plancia digitale, per strumentazione e infotainment Uconnect 5, che gira sul sistema operativo Android Automotive su un bel display da 10,25 pollici. Sul quale comunque girano anche Apple CarPlay e Android Auto. Molte funzioni sono controllabili tradire una app sul proprio smartphone. 

La Uconnect 5, combinata con il Telematic Box Module oltre a consentire la funzione obbligatoria di Emergency Call, offre una serie di servizi di connettività innovativi. C'è il My Assistant, un sistema di assistenza che consente di parlare con un assistente per richiedere soccorso in caso di panne e di ricevere supporto per la risoluzione di eventuali problemi. Disponibile il My Remote funzione per verificare verificare dallo smartphone il livello di carica delle batterie. My Car permette di controllare le condizioni della propria auto, verificando parametri come pressione pneumatici. Con My Navigation si può inviare la destinazione al navigatore dell’auto, identificare il percorso, verificare le condizioni del traffico, il meteo lungo il tragitto e le postazioni di rilevamento velocità e visualizzare i punti di ricarica situati nei pressi dell’auto. La Nuova 500, inoltre è un'auto sempre connessa tramite il servizio My Wi-Fi, un vero hot-spot che connette alla rete fino a 8 dispositivi elettronici contemporaneamente come se fossi a casa. Infine, My Theft Assistance, rende la vettura a prova di ladri.

La prima con ADAS di livello 2

Presenti di sistemi di guida assistita di secondo livello, una dotazione che la rende la prima city car con questa tecnologia. Vantaggi in termini di sicurezza dati dalle telecamere di monitoraggio, che controllano longitudinalmente e lateralmente tutti i dintorni della vettura, veri e propri occhi che lavorano con il sistema iACC (Intelligent Adaptive Cruise Control) chiamato a gestire frenata o accelerazione in base ai possibli ostacoli dell'ambiente circostante. Il Lane Centering mantiene la vettura al centro della corsia, quando vengono correttamente identificate le linee di demarcazione della stessa.

L’Intelligent Speed Assist, invece, legge i limiti di velocità e suggerisce al conducente di impostarli, mentre l’Urban Blind Spot attraverso sensori ultrasonici controlla gli angoli ciechi e avvisa con un segnale luminoso triangolare - che appare sullo specchietto laterale - se ci sono degli ostacoli. L’Attention Assist poi, mediante avvisi sul display, consiglia di fermarsi e di prendere una pausa quando si è stanchi. Infine, i sensori a 360 gradi offrono una drone view per evitare tutti gli ostacoli, quando si parcheggia e nelle manovre più complesse.

"La Prima" ha un prezzo notevole

Fiat 500 elettrica è ordinabile subito versione speciale. “La Prima” realizzata in 500 esemplari, cabrio, per ogni principale mercato nazionale. Sono tre i colori disponibili, Celestial Blue, Mineral Gray e Ocean Green. La capote presenta una fantasia Monogram assieme a molti altri dettagli personalizzati, come i cerchi da 17 pollici diamantati, i fari full LED o i sedili in ecopelle e il caricatore da 85 kW.

Il prezzo, non considerando l’Ecobonus e gli eventuali incentivi regionali (entrambe applicabili), è di 37.900 euro. Elevato anche se si tratta di una vettura con contenuti tecnici ed estetici notevoli. Cifra che si riferisce alla versione di lancio, ma destinata a scendere attorno ai 25.000 euro una volta avviata la produzionne di serie.

Le serie speciali

Fin dalla sua nascita, la 500 è diventata un'icona. La seconda generazione, poi, ha raggiunto livelli di culto diventando oggetto di design quando è finita nelle mani di preparatori che ne hanno realizzato innumerevoli versioni speciali. La Nuova 500 non poteva essere da meno e il suo battesimo nel mondo della auto come oggetto fashion da sfoggiare è stato tenuto da grandi firme. Armani, Bulgari e Kartell hanno interpretato secondo il loro canoni la nouvelle vague elettrica con tre one off molto speciali, che rispecchiano il modo in cui queste tre aziende portano nel mondo il made in Italy.

Fiat 500 hybrid, prova su strada