Nissan e Vigili del Fuoco di Tokyo cos’hanno in comune? Una collaborazione che ha detto vita alla prima ambulanza giapponese a zero emissioni Nissan NV400 che andrà ad arricchire il parco ambulanze del comando di Ikebukuro. Il legame tra la Casa giapponese e i Vigili del Fuoco rientra nel progetto “Zero Emission Tokyo”, iniziativa sostenibile lanciata dal Governo Metropolitano della città. “Nissan crede fermamente nella mobilità sostenibile e si impegna a dare il proprio contributo per un mondo a zero emissioni e zero incidenti fatali su strada. Questo progetto è un altro esempio dei nostri sforzi per garantire alle comunità locali un migliore accesso ai veicoli ecocompatibili” ha dichiarato Ashwani Gupta, Representative Executive Officer e Chief Operation Officer Nissan.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il nostro listino

Caratteristiche

Partiamo dal suo essere elettrica. La riduzione dell’impatto ambientale è sicuramente un punto di vantaggio e la base da cui è partita la realizzazione della nuova ambulanza a zero emissioni Nissan. Sono ridotti anche rumore e vibrazione, in questo modo sia pazienti che personale sanitario vengono agevolati. L’ambulanza è poi dotata di una barella elettrica per facilitare le operazioni e gli spostamenti.

Sfoglia il listino Nissan: tutti i modelli su mercato

Fonte di energia mobile

Il motore elettrico è alimentato da due batterie agli ioni di litio (33 kWh). C’è anche una batteria aggiuntiva, da 8 kWh, grazie alla quale l’utilizzo delle apparecchiature elettriche e dell’impianto di climatizzazione, se necessario, può essere prolungato. Questo consente all’ambulanza di trasformarsi in una fonte di energia mobile in caso di blackout o calamità naturale. La natura elettrica dell’ambulanza Nissan, inoltre, permette una riduzione dei costi di carica e manutenzione.

Nissan GT-R 50 by Italdesign, muscoli giapponesi e stile italiano